Ieri gli hashtag, oggi i trending topic

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Dopo l’implementazione degli hashtag di cui abbiamo parlato qui, Facebook punta ora all’inserimento dei trending topics. Ancora una volta, chi usa Twitter assiduamente saprà già di cosa stiamo parlando.

Sul social dell’uccellino i trending topics sono presenti fin dagli albori: si tratta di una lista degli hashtag più utilizzati, quindi degli argomenti più discussi del momento. I temi possono spaziare dai conflitti bellici al matrimonio vip del momento, allo strafalcione del politico di turno, a dichiarazioni rilevanti.

Secondo alcune indiscrezioni, provenienti da un portavoce di Facebook, pare che la piattaforma social di Zuckerberg stia testando e mettendo a punto un sistema molto simile che raccoglierà gli argomenti più chiacchierati del social blu in una pratica colonnina in alto a destra.

Sembra, quindi, che gli hashtag, i famosi cancelletti, non fossero altro che un preludio della trending box. C’è però un’importante caratteristica: i temi più caldi non saranno associati solamente alle parole “cancellettate”, bensì il sistema compirà analisi e indicizzazioni semantiche in modo tale da includere qualsiasi frase o parola ritenuta rilevante.

È chiaro che questa nuova mossa di Facebook sia mirata all’inasprire la concorrenza con Twitter. I due social nascono come diametralmente diversi ma il social blu ha sempre “invidiato” le capacità comunicative dell’uccellino cinguettante in grado di coinvolgere milioni di persone in una singola discussione o di diventare addirittura lo strumento di organizzazione di ribellioni contro regimi oppressivi.

Tale differenza è ovviamente data dalla dimensione ben più privata di Facebook, visto e sentito da tutti un po’ come il proprio diario personale dove condividere materiale con amici e parenti.

Voi cosa ne pensate? Credete che l’inserimento di una trending box possa dare a Facebook un aspetto più “socialmente utile” al pari di Twitter o si tratta solo di un passo in più verso un social con formula omnibus che racchiuda tutte le caratteristiche viste in giro?

Non ci resta che attendere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *