Greplin: il motore di ricerca social

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone
In un mondo in cui i social media hanno un ruolo sempre più importante è diventato difficile gestire  la quantità di informazioni tra contatti, messaggi, tweet, ecc. La soluzione a questo problema è semplice ed efficace: Greplin, il motore di ricerca dei social network.

Si tratta di un motore di ricerca personale, simile ad un “Google personalizzato”, in grado di tenere informati su tutto ciò che concerne la vita social e quella dei propri contatti. Oltre a questa funzionalità Greplin condivide con Google altre caratteristiche:

• Velocità nella ricerca
• Risultati istantanei
• Semplicità dell’interfaccia
• Personalizzazione dei contenuti

Fondata da Daniel Gross, prevede un funzionamento molto semplice e veloce; basta infatti andare al sito www.greplin.com ed iscriversi in maniera gratuita. Una volta iscritti, si accede ad una schermata dove compaiono le varie piattaforme social: cliccando su quella desiderata il motore di ricerca si collegherà direttamente al profilo, permettendone di gestire i dati.

I siti indicizzati sono in continuo aumento ed alcuni sono fruibili solo con la versione a pagamento, ma tutti i più noti sono gestibili con la versione gratuita del servizio.

Greplin, al contrario degli altri motori di ricerca, tiene traccia delle proprie attività memorizzandole. Questa caratteristica è davvero importante per consentire di avere un controllo più completo ed omogeneo di tutte le informazioni riguardanti i nostri account social.

A garanzia della privacy degli utenti la TPSP ( Trust Privacy Seal Program ) tutela i dati personali contenuti in ogni profilo, impedendone la condivisione a terzi.
In sostanza questo motore di ricerca di nuova generazione ci permette di poter sfruttare in maniera veloce ed efficace le potenzialità dei social media. Ci consente inoltre di immagazzinare in maniera ordinata e coerente i dati che affluiscono sui vari account ed evita l’incorrere in pericolosi errori dovuti alla confusione provocata dalle miriadi di informazioni in circolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *