Google Caffeine: novità SEO

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Che conseguenze ha portato l’utilizzo di Google Caffeine?

L’impatto di Caffeine è stato molto forte, soprattutto per quanto riguarda il futuro dei motori di ricerca e la loro utilità negli anni a venire.

Ma prima capiamo insieme cos’è questa Google Caffeine!

Google Caffeine è live dall’8 giugno, questo nuovo indice di ricerca , frutto di un lungo lavoro di sviluppo e ottimizzazione, è una tecnologia che crea un indice delle informazioni e dei dati messi a disposizione degli utenti.
Grazie a Caffeine si ha una maggiore velocità nell’indicizzare i contenuti e metterli a disposizione degli utenti tra i risultati della ricerca.
In passato si poteva arrivare ad aggiornare le fonti anche soltanto ogni due settimane, ora attraverso Caffeine sarà possibile aggiornare più frequentemente i motori di ricerca aggiungendo sistematicamente le nuove pagine a disposizione. L’obiettivo è quello di produrre risultati di ricerca più precisi e pertinenti a una velocità molto più alta.
Come suggerisce il nome stesso, Caffeine è un ulteriore scossa al motore di ricerca più famoso al mondo: Google. 

GoogleCaffeine

Come sappiamo vi è il SEO onesto, l’unico che assicuri risultati duraturi, ma sono stati comunque troppi i casi di acquisto di link e reciprocal linking, di machiavellici testi nascosti, di innaturale densità di keyword.
L’utilizzo esagerato di queste tattiche non era più sostenibile, grazie a Caffeine queste strategie hanno le ore contate.

Google ha affermato che le modifiche si basano per lo più nelle infrastrutture, quindi nell’indicizzazione e nella velocità. Ciò significa che l’accuratezza e la pertinenza dei risultati dovrebbe aumentare. Per ora le modifiche al vostro web design e alla struttura del vostro sito non sembrano imminenti, inoltre il vostro utilizzo di Google probabilmente non cambierà molto rispetto al passato.

Ma, quali sono gli effetti sulla SEO?
Citiamone alcuni:

• Page Load Time: diminuirà il tempo di caricamento delle pagine.
• Parole chiave: diventa ancora più importante la  pertinenza delle parole chiave rispetto al passato. Ciò permetterà di fare una distinzione ancora più marcata tra i siti che sono quasi spam e i siti che producono qualità per i loro visitatori.
• Annunci: Google Caffeine pone maggiormente l’accento sui risultati organici di ricerca, piuttosto che su quelli a pagamento. Il tempo di caricamento della pagina influirà ancora di più sul “Punteggio di qualità per AdWords”.

Cosa significa tutto ciò?
Attraverso Caffeine, Google continua a fare ciò che ha sempre fatto, ma in maniera migliore. La situazione dal lato dell’utente rimarrà pressoché la stessa, infatti i maggiori cambiamenti avverranno dietro le quinte. Questa nuova tecnologia offre quindi agli esperti SEO delle sfide interessanti.
Gli altri motori di ricerca come Bing e Yahoo seguiranno certamente molto presto Google, ma come sempre quest’ultimo è un passo avanti.

Ecco qualche prezioso suggerimento dato dagli esperti SEO, è conveniente rivedere del proprio sito:

• Controlla i contenuti del tuo sito: devono essere originali e unici
• sfrutta la tua presenza nei social media per diversificare i tuoi link
• Utilizza fonti pertinenti e affidabili
• Ottimizza le immagini: non porre tag non rilevanti, utilizza i formati GIF o PNG per le immagini di formato minore e JPEG per le immagini più grandi e complesse
• Adotta le tecniche per aumentare la velocità di caricamento delle pagine, vi è un collegamento tra velocità di caricamento e indicizzazione
Ma la regola principale è: un impegno duraturo sui contenuti, che devono essere di qualità.
In poche parole, per piacere al nuovo algoritmo Caffeine bisogna puntare sulla reputazione del proprio sito.

Google Caffeine quindi apre la strada ad un web più onesto. Come è giusto che sia.

E voi che ne pensate? Avete notato qualche miglioramento utilizzando Google?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *