SEO, è ufficiale:Google considera anche la velocità

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

E’ ufficiale: Google ha inserito un nuovo parametro nell’algoritmo di ricerca, ovvero la velocità del sito.

Infatti venerdì  scorso, il famoso motore di ricerca ha pubblicato la notizia sull’Official Google Webmaster Central Blog. Tale parametro si inserisce nei 200 fattori che Google utilizza per stabilire il posizionamento di una pagina all’interno delle SERP (search engine results page) del motore di ricerca.

velocità come parametro google

“La velocità del sito rispecchia quanto rapidamente un sito risponde alle richieste del web”, spiega Google nel post.
Molto probabilmente tale fattore incide sul tempo di navigazione dell’utente nel sito. Google infatti dichiara: “i siti più veloci soddisfano gli utenti e abbiamo visto che, da nostri studi interni, quando un sito risponde lentamente i visitatori ci spendono meno tempo sopra”.

La velocità ha dunque un duplice effetto: migliora la user experience e riduce anche i costi operativi del sito. Due sono i criteri principali per misurare la reattività di un sito: le modalità di risposta a Googlebot e il tempo di caricamento segnalato dalla Google Toolbar.

Tale novità non significa che la velocità prenderà il sopravvento sugli altri fattori. Lo stesso Google sottolinea infatti che il nuovo parametro non ha lo stesso peso del fattore “pertinenza della pagina”. Il famoso esperto di SEO Matt Cutts l’aveva già spiegato qualche mese fa: la pertinenza resta il fattore fondamentale, ma se due siti risultano con la stessa rilevanza, viene privilegiato quello più veloce.

La decisione di Google, molto probabilmente, ha il fine di penalizzare i siti veramente molto lenti, ovvero quelli che si caricano in un tempo al di sopra della media.
C’è da dire che attualmente il fattore “site speed” interessa solo l’1% delle query, e si applica solo alle ricerche in inglese su google.com, però sicuramente tale parametro verrà esteso anche alle altre localizzazioni del search engine. I siti italiani sono quindi avvertiti!

Google, infine, suggerisce che la velocità non solo può aiutare il proprio sito in termini di ranking, ma può anche migliorare l’esperienza e l’usabilità di tutti gli utenti nel web.

E voi siete già preparati a questa novità? Come sono messi i vostri siti in fatto di velocità?

2 Responses to SEO, è ufficiale:Google considera anche la velocità

  1. Teo scrive:

    Aiuto, disastro: vuol dire alcune pagine non riceveranno mai buone posizioni se già c’è un’immagine più grande del normale??

  2. simone simone scrive:

    la velocità di caricamento è appunto uno dei 200+ fattori presi in considerazione da Google, quindi Teo,non vuol dire che non ti posizionerai se hai un’immagine pesante: ci sono altre cose da considerare e che sono più importanti ,come dice appunto Cutts.
    prima di tutto bisognerebbe “alleggerire” il sito non pensando ai motori, ma per gli utenti stessi: i quali vogliono arrivare subito a destinazione,hai pochi secondi per convincerli a restare e per meritare la loro fiducia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *