Google Plus apre anche ai brand: ecco le pagine aziendali

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Il giorno 8 Novembre sul blog ufficiale di Google leggiamo: “Finora l’obiettivo di Google+ è stato quello di mettere in contatto le persone tra loro, ma vogliamo permettervi di stringere relazioni con tutto ciò che per voi è importante – che si tratti del negozio sotto casa o di un brand internazionale – e per questo oggi annunciamo il lancio delle Pagine Google+ in tutto il mondo.”

Da qualche giorno infatti è possibile creare la propria pagina brand su Google Plus. Il colosso di Mountain View ha deciso quale spazio avranno su Google + le aziende e le organizzazioni attraverso la creazione delle nuove pagine.

A prima vista l’impostazione è simile a quella delle pagine utenti di facebook, con particolare attenzione ai post e quindi alla conversazione ed ai contenuti multimediali, foto e video. Ma le pagine aziendali si riconoscono per una icona quadrata che si trova alla destra del nome.

I brand possono essere inseriti in una cerchia oppure suggeriti grazie al +1. Alcuni marchi italiani sono stati i primi rispetto ad altri ad avere la Pagina Google+: Alitalia, Fiat, Donna Moderna (Mondadori), Juventus, TIM, Vodafone Italia.

La novità più attraente è Direct Connect una funzionalità grazie alla quale partendo da una ricerca attraverso il motore di ricerca, sarà possibile connettersi direttamente con il brand su Google Plus semplicemente aggiungendo “+” al nome dello stesso.

I brand sfrutteranno così le ricerche organiche su Google e si connetteranno più velocemente con le persone facendo in modo di catturare la loro attenzione. Allo stesso tempo i consumatori potrebbero trovare utile mettersi in contatto direttamente con un brand in un luogo dove questo è attivo e pronto a rispondere e dialogare.

Come fare per iscriversi? Bisogna avere già un account su Google+, in seguito si seguono le prime indicazioni indispensabili per creare una pagina apposita per aziende, associazioni o organizzazioni.

Credete che sarà davvero un’evoluzione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *