Google Panda: vuoi sapere come va? Tiriamo le prime somme

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Da tempo vi parliamo di Google Panda e dei suoi effetti sul posizionamento dei siti nei motori di ricerca.

Già da qualche settimana il temuto algoritmo è presente anche in Italia (vedi post del 12 agosto) ed ecco che escono i primi dati.
L’attentissimo searchmetrics ha infatti già pubblicato sul suo blog un elenco dei siti più penalizzati e più valorizzati dall’avvento di Google Panda in Spagna e in Italia.

Tra i più penalizzati nel nostro Paese si riscontrano: liquida.it, wikio.it, ciao.it, e tuttogratis.it.

Mentre i vincitori per ora sembrano essere i siti social più cari alla comunità di internet. Tra i primi posti troviamo youtube, wikipedia, facebook, blogspot, subito seguiti da yahoo, twitter e corriere.it.

Ricordiamo che il Panda è stato elaborato per migliorare il ranking dei siti qualitativamente più meritevoli, ma Google ha messo a disposizione per i webmaster un form dedicato alle segnalazioni di penalizzazioni giudicate errate.

Perciò se pensate che il vostro sito sia ingiustamente colpito dal Panda, vi consigliamo di segnalarlo ai tecnici di Google.

Ma attenzione a rispettare il più possibile le regole esplicitamente dichiarate da Google, altrimenti difficilmente una segnalazione porterà a qualche miglioramento.

Dunque: state festeggiando l’arrivo del Panda o lo lascereste volentieri estinguere?

Scriveteci le vostre impressioni!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>