Google Music: il nuovo servizio androide batterà la concorrenza?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Il nuovo servizio dedicato alla musica in formato digitale ha fatto il suo esordio mercoledì 16 novembre.

Concluso il proprio ciclo in beta Google Music è ora disponibile ufficialmente negli Stati Uniti su Android Marketplace, il portale ufficiale in cui vengono distribuite tutte le app per il sistema operativo Google.

Il servizio permetterà di caricare gratis online la musica in qualità MP3 320 Kbps, di ascoltarla in streaming su qualunque dispositivo, di acquistare musica dall’Android Market e condividere i brani musicali presenti nell’apposita libreria digitale su Google Plus. Ecco che Google punta a spostare le ricerche musicali da Google Search direttamente all’interno del proprio store e conta circa 8 milioni di brani già messi a disposizione degli utenti.

Il prodotto potrebbe quindi rappresentare una via in più per spingere verso l’acquisto legale di musica contro il suo download illegale. Non mancano nello store i grandi marchi come Universal, Emi e Sony. Solo Warner non ha ancora sottoscritto alcun accordo per legittimare il suo servizio.

Per invogliare la gente a iscriversi, Google ha stretto accordi con alcuni artisti che distribuiranno in esclusiva (in alcuni casi gratuitamente) brani, concerti e album su Google Music. I nomi citati sono stati: Coldplay, Shakira, Dave Matthews Band, Pearl Jam, Rolling Stones e Busta Rhymes.

Gli utenti degli altri Paesi  al di fuori degli USA possono accedervi utilizzando un IP di tipo Proxy. Per accedere a Google Music cliccate questo link http://music.google.com/about/, intanto vi suggeriamo di guardare il video integrativo del nuovo servizio:

Non credete che Google Muisc potrebbe rappresentare una vera e propria sfida alle principali piattaforme già esistenti come iTunes e Amazon?

One Response to Google Music: il nuovo servizio androide batterà la concorrenza?

  1. […] l’evento a Los Angeles di cui abbiamo parlato il giorno 18 novembre dedicato quasi esclusivamente a Google Music, la società di Mountain View ha mostrato anche […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *