Google Instant: i pro e i contro

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Google Instant è storia di pochi giorni, eppure, se si parla di “tempo percepito”, esso ha già raggiunto quell’età critica in cui è giudicato senza pietà dagli utenti e dagli esperti del settore.

Si è già parlato in questo blog del lancio di questo nuovo sistema di ricerca, definito da Google “one part art, one part science.”

Lo strumento in sé, visto con gli occhi e l’esperienza dell’utente, è da una parte previsione delle parole-chiave, dall’altra risultati di ricerca istantanei.

Alcune persone si sono dimostrate piacevolmente stupite, se confrontate con Google Instant, affermando come “Con il solo battito di una lettera si arriva direttamente ad un punto preciso. Wow!”.

Sul suo blog personale, il guru di Google Matt Cutts ha spiegato come questi cambiamenti consentano di rendere Google più veloce ed efficiente:

“Se vogliamo essere capaci di aiutare le persone a rispondere alla proprie domande e a risolvere più in fretta i loro problemi, un passo importante è certamente migliorarela nostra UI (l’interfaccia utente) in modo da aiutarvi a formulare le vostre richieste più velocemente (e quindi poi sgobbare un bel po’ in sottobanco per riuscire a rispondere a queste richieste).

Google visualizza i risultati di ricerca in un lasso di tempo calcolabile in millisecondi, ma ci vogliono diversi secondi perché l’utente digiti la sua richiesta. In altre parole, il fattore limitante di una ricerca-tipo è l’utente. Con questo tipo di strumenti, si riesce molto spesso ad arrivare alla risposta molto più rapidamente.”

Nondimeno, alcuni si sono dimostrati molto meno entusiasti riguardo la ricerca as-you-tipe.

Ammettiamolo: a volte ciò che stiamo cercando ci è molto chiaro, e vedere scorrere pagine e pagine di informazioni extra ad ogni battitura può risultare abbastanza fastidioso e inutile.

Senza contare i dubbi che tutti si pongono: è davvero utile che battendo “j” su Google, in Italia venga fuori “Juventus” e in altri paesi “Justin Bieber”?

Ma soprattutto, può questo influenzare l’esposizione mediatica di alcuni prodotti? E se si in che maniera? E c’è possibilità di usarlo?

E voi da che parte vi schierate? Qual’è la vostra impressione su Google Instant finora?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *