Google e la guerra contro la compravendita di link

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Con l’aggiornamento dei risultati di ricerca avvenuto ad ottobre abbiamo visto un attacco verticale da parte di Google a molti siti (alcuni assai noti ed eccellenti) il cui page rank è stato demolito. Si è molto parlato di questa situazione soprattutto al fine di cercare di capire cosa, nei siti penalizzati, fosse sbagliato e si è giunti alla conclusione che la caratteristica in comune che avevano i siti oggetto della penalizzazione era la loro partecipazione diretta a situazioni di acquisto o vendita di links.
Già in precedenza si era parlato dell’atteggiamento negativo di Google verso il mercato dei links venduti e acquistati, ciò era stato manifestato tempo addietro da Matt Cutts, il famoso addetto di Google che nel suo blog lascia spesso trasparire informazioni che evidentemente Google vuole diffondere, ma in realtà nessuno si attendeva un attacco così improvviso e drastico come quello sferrato da Google in ottobre.
Il fatto che il motivo scatenante della penalizzazione fossero i links acquistati e venduti era comunque frutto di congetture, per cui si trattava di una supposizione, sicuramente suffragata da molte osservazioni, senza però alcuna base sicura.
Clicca qui per leggere tutto l’articolo di Web Marketing Pro.

2 Responses to Google e la guerra contro la compravendita di link

  1. Agenzia di pubblicità Sidoli scrive:

    Quali sono le basi per capire se un sito compra e vende links – non credo che la segnalazione via form sia una risorsa attendibile anzi uno strumento che può rovinare il lavoro di molte persone

  2. L'Ippogrifo scrive:

    Non è facile individuare la compravendita di link fatta allo scopo di aumentare il Page Rank. Google si sta attrezzando per “scovare” chi compra e vende link non a fini pubblicitari. A tal proposito proprio Google a Marzo aveva introdotto un filtro che tendeva a dar minore importanza alla link popularity. Attenzione però che non tutti i links derivanti da una compravendita violano le linee guida di Google. Comprare o vendere un link può essere una normale azione economica fatta tra due parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *