Ford va oltre con l’ambient marketing

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Dopo la campagna 2.0 di Coca Cola Zero, anche Ford ha scelto di pubblicizzare il suo brand per mezzo di una promozione interattiva.

Per il lancio della nuova Ford B-Max è stata fatta un’advertising campaign basata sul payoff “La vita è una porta aperta” volendo sottolineare l’abitabilità degli interni della nuova vettura.

La campagna comincia alla stazione metropolitana di Cordusio a Milano. I viaggiatori sono stati accolti da un’insolita proposta messa in atto da Ford: aprire le porte alla vita in cambio di una corsa omaggio in metropolitana.

Nell’arco di 7 ore sono stati venduti circa 12.000 biglietti della metro grazie anche alla fuga della notizia sui social network.

Il risultato è stato che oltre 200 persone si sono registrate all’evento sulla pagina facebook di Ford Italia; sul profilo Ford di Twitter ci sono stati moltissimi retweet con l’hashtag #lifeisanopendoor e anche Instagram di Ford Italia ha visto la condivisione di moltissime foto dell’iniziativa.

La seconda fase della campagna è stata la pubblicità realizzata per la nuova B-max: da un’altissima piattaforma un tuffatore deve tuffarsi attraverso l’abitacolo prima di toccare l’acqua blu della piscina.

Infine Ford ha completato la campagna curando un’elegante sezione ambient.

Qui la chiave d’interpretazione si focalizza sul claim del brand “Go Further”, va oltre. Realizzata da Ogilvy & Mather Greece, l’invito è andare oltre la prima occhiata dell’immagine proposta.

L’ambient è stato realizzato con delle grandi stampe di veicoli commerciali della nota casa automobilistica e l’ossimoro visivo delle stampe gioca sui vantaggi dei veicoli commerciali – mobilità e possibilità di sviluppare il proprio business – negandone la caratteristica principale: vengono mostrati attraverso una rappresentazione statica, una stampa.

Che dite, la campagna è riuscita a farci percepire il marchio Ford come un brand che va oltre i soliti meccanismi pubblicitari?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *