#Facebookdown? Instant advertising all’attacco!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Lo scorso lunedì, per quattro ore, è stato impossibile aggiornare lo stato o pubblicare contenuti sulla propria pagina Facebook. Dalle 14 alle 18 il famoso social network è stato inutilizzabile su tutta l’area europea e americana, come riporta l’ufficio stampa.

I problemi riscontrati dagli utenti, e subito segnalati all’assistenza tecnica, sono molteplici. Oltre all’impossibilità di aggiungere contenuti alla propria bacheca, non è stato possibile interagire con i post altrui e addirittura mandare messaggi privati. Questo parziale blackout ha reso inagibile non solo il sito, ma anche le applicazioni Facebook per mobile.

Non si è trattato di nessun hacker o cracker, ma solo di un’operazione di manutenzione che però ha causato alcune interferenze nel normale utilizzo del social. Tutto è stato risolto in velocità, come conferma un portavoce di Facebook: “Abbiamo risolto la questione rapidamente, e siamo di nuovo funzionanti al 100%, siamo spiacenti per qualsiasi eventuale problema causato”.

Inevitabilmente su Twitter, il noto concorrente del social blu, si sono scatenati gli utenti con l’hashtag #facebookdown, facendolo rapidamente salire nella lista dei trending topics. C’è anche chi ha sfruttato l’occasione per farsi pubblicità, in gergo quella che si chiama instant advertising.

Tra i marchi più famosi citiamo RedBull, Durex e Samsung che hanno saputo creare un contenuto divertente inventando sul momento delle pubblicità diventate subito virali. Tra gli altri brand Venus scrive: “prendi il tuo rasoio Venus in mano e goditi del tempo extra per te” mentre il produttore belga di birre, Jupiler, twitta: “Facebook è fuori uso? non vi preoccupate, ecco un aggiornamento dello status: assetato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *