Facebook e PMI, binomio vincente

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

logo-facebook_social-media-marketing

L’invito viene dal New York Times via Sole 24 Ore, è rivolto a tutti gli imprenditori e suona come un promemoria più che una scoperta: non sottovalutate Facebook, usarlo bene potrebbe far decollare la vostra impresa, grande o piccola che sia. E’ anche un vero e proprio vademecum, quello pubblicato dal quotidiano statunitense, che oggi riportiamo a beneficio dei nostri lettori.

Anzitutto bisogna fare chiarezza sugli obiettivi da prefiggersi, quindi è necessario curare e aggiornare regolarmente la pagina, fare trasparire la propria personalità, essere sinceri e mai ingannevoli. Garantire sicurezza nelle vendite è indispensabile. Studiare le caratteristiche della clientela, e sfruttarle al meglio, lo è altrettanto.

L’articolo recita così: “I messaggi con i quali s’invita soltanto a comperare non funzionano. Gli iscritti che ne fanno l’uso migliore utilizzano poco Facebook per vendere e molto per comunicare e interagire. Rispondete sempre ai fan e a chi vi critica. Date ascolto a ciò che vi si dice, a prescindere che sia qualcosa di positivo o di negativo: potreste perfino individuare qualche utile idea per migliorare la vostra attività. Aggiornate sempre i contenuti delle pagine. Utilizzate sempre gli status update e i newsfeed per informare i fan di avvenimenti speciali, concorsi, occasioni particolari e qualsiasi altra cosa interessante”.

Facebook ha significato una svolta nella concezione del mercato perché consente alle piccole imprese di dedicare le loro energie a una forma di marketing che garantisce enorme visibilità e consapevolezza del proprio target. Gli utenti di Facebook compilano i loro profili fornendo informazioni quali la città di residenza, il datore di lavoro, la religione alla quale appartengono, gli interessi, il livello d’istruzione, i libri, i film e i programmi televisivi preferiti: elementi che permettono agli inserzionisti di creare messaggi pubblicitari mirati a specifiche fasce della popolazione.

Basta aggiungere alcuni parametri demografici o parole chiave per adattarsi alle esigenze e preferenze della propria clientela. Inoltre gli inserzionisti possono scegliere di pagare per “impression” o per “click”, fissare budget massimi e programmare le inserzioni affinché compaiano in date particolari. Un sistema che fornisce un feedback istantaneo.

L’ultima raccomandazione è alla pazienza: gli utenti, affermano gli esperti, non si precipiteranno subito a visitare la vostra pagina. Per creare un effetto network occorre del tempo e la fretta, anche in questo campo, è cattiva consigliera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *