Eye tracking, su cosa si posa il nostro sguardo?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

A monte di ogni geniale pubblicità c’è sempre un grande lavoro di pianificazione strategica che spesso si tende a scordare. Si tratta di gestire molte variabili, prendere decisioni e scommettere su un’idea. I consumatori ovviamente sono l’aspetto più delicato ed è essenziale conoscere i loro pensieri, le mode del momento e quello che può attirare la loro attenzione.

La tecnologia sempre più evoluta continua a dare una mano in questo senso. Cosa guardano le persone in una pubblicità? La tecnologia dell’ eye tracking permette in tempo reale di scoprire su cosa si sofferma l’occhio critico del consumatore e cosa invece non è in grado di catturare il suo sguardo. Si eliminano così le variabili sociali e personali ed è possibile raggiungere quelle informazioni altrimenti irraggiungibili tramite i metodi di ricerca convenzionali.

Le informazioni così raccolte vanno ad integrare le statistiche sulle visualizzazioni e i click, in studi sui siti di e-commerce,  banner advertising, campagne via email, newletters e in-game advertising.  Per esempio sui siti web, nella pagina visualizzata l’attenzione tende a concentrarsi sulla lettura del testo centrale mentre i banner e i box pubblicitari passano in secondo piano sfuggendo quasi del tutto. Al contrario, per quanto riguarda i giornali online, è più facile che siano le immagini o i box di testo laterali a catturare per primi lo sguardo del visualizzatore.

I dati raccolti dall’ eye tracking sono utili anche per la pubblicità su carta stampata così come in quella in TV suggerendo in che modo questa possa essere più d’impatto. Ad esempio, in una partita di calcio i tifosi sono in grado di focalizzare l’attenzione sulle pubblicità o sono completamente rapiti dal gioco? E in che posizioni del campo è più facile che vengano inquadrate dalle riprese e notate dagli osservatori?

Andrea Marson
Ha studiato Economia, Commercio Internazionale e Mercati Finanziari presso l’Università degli studi di Trieste.
Appassionato di marketing e comunicazione, segue con curiosità le ultime novità economiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *