Essere poliziotti è più difficile di quello che pensi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Cosa faresti se fossi un poliziotto in una situazione pericolosa?

È ciò che chiede agli utenti la nuova campagna pubblicitaria #itswhatwedo creata dalla Scottish Police Federation in collaborazione con Tinker Taylor TV, Brain Candy Films e Simon Ellis Films.

I tre cortometraggi che sono stati creati descrivono la cruda realtà che devono fronteggiare i poliziotti scozzesi, presentando in maniera realmente impattante tre eventi critici nei quali gli spettatori hanno la possibilità di immedesimarsi.

Il risultato di tanta violenza e di situazioni limite è che lo spettatore da subito si sente a disagio, aspettandosi il peggio da una situazione che inizialmente sembra di normale routine: persone ubriache, incidenti d’auto e maniaci con il coltello sono i tre eventi prescelti per i video.

Le parti finali non portano a una vera e propria conclusione, ma al contrario lasciano che l’immaginazione dello spettatore e gli elementi forniti durante la visione degli spot completino la scena lasciata in sospeso fino al colpo finale in cui compaiono i dettagli personali di Maggie, Robert e Andrew.

Ciò che viene rappresentato sembra un incubo, ma purtroppo è reale e queste persone devono farci i conti tutti i giorni.

Quello che viene sottolineato è che i poliziotti devono compiere scelte a cui i cittadini normali non sono sottoposti solitamente. Nel sito c’è una breve introduzione ai video in cui la parte finale recita così: “We are honest enough to say that we don’t always get it right for we are human like everyone else. We have mothers and fathers, sons and daughters, we have families who love us and who we love back. We may be fallible but we are there. We keep our communities safe.”

E tu? Cosa faresti?

Per vedere gli altri video vai sul sito http://www.itswhatwedo.org.uk/

 

 

Anima concettuale dell’agenzia, Federico rappresenta una fonte inesauribile di contenuti e spunti di riflessione, per raccontare al meglio la storia di ogni azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *