Come perdere clienti a Natale (e come conquistare la loro fiducia)

ippogrifo-marketing-natale-mail
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Siamo quasi a Natale e le mail di auguri sembrano non finire più. Forse penserai che questo sia il periodo più piatto e infruttuoso dell’anno a causa delle feste. Ma lo sapevi che invece è possibile sfruttare a tuo vantaggio questo periodo festivo?

➡️ A Ferragosto chiudi la serranda e vai al mare? Leggi qui prima di finire con le gambe all’aria! ⬅️

Se fino ad ora pensavi che i messaggi di auguri dovessero essere fine a se stessi e non avere un chiaro obiettivo (non solo commerciale) forse dovresti rivedere il tuo processo di email marketing.

Non si tratta di auguri ma di fidelizzazione

I biglietti non servono solo a fare gli auguri di buon Natale e felice Anno nuovo ai tuoi clienti, ma servono a dire che ci sei, che li consideri e che stai lavorando per loro. Anche a Natale. Il processo di marketing in questa fase è quello della fidelizzazione: dimostra al cliente che la tua azienda ha in mente i suoi interessi anche durante le feste. In questo modo gli stai dimostrando che invece di stare davanti al caminetto a mangiare biscotti allo zenzero cantando “Jingle Bells” sei in ufficio a lavorare per lui.

Il passo da “apri” a “cancella” è breve, molto breve

Devi catturare l’attenzione fin dal titolo. Se non catturi l’attenzione alle prime righe, nessuno leggerà avanti e sarà stato tutto tempo sprecato. Il tasso di apertura delle mail DEM B2B nel 2016 è stato del 26%: è dunque imperativo essere efficaci in ogni singolo dettaglio della mail per fare in modo di catturare l’attenzione e poi mantenere l’interesse del lettore. Studia il colore, le parole e i sinonimi, la disposizione e pensa alla posizione migliore per eventuali CTA (Click to Action, elementi che chiedono all’utente di fare delle azioni).

Quali mail vanno nel cestino?

Banali, semplici, ripetitive, generiche, senza grafica: sono queste le mail che passano direttamente nel cestino (sempre che abbiano schivato il filtro spam). Spendi dei minuti in più per creare delle mail personalizzate. Non serve creare delle grafiche ad-hoc, può bastare anche una dedica e poche righe di ringraziamento al cliente, meglio se per nome e cognome. Alla fine firmati, che tu sia un’azienda o un responsabile di reparto, cerca di dare un lato umano alla mail, dimostra che dietro all’alberello e i regalini sullo sfondo c’è una squadra. Vera, attiva, che lavora e ti conosce.

Come scriverai la mail di auguri quest’anno? Farai il solito biglietto digitale che finirà nel cestino in 5 millisecondi oppure dedicherai qualche minuto in più per creare un’email marketing memorabile, che faccia strappare un sorriso al tuo cliente?

buon_natale

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *