Marketing a risposta diretta, ecco come cominciare

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

google adwords_direct response marketing

Il marketing a risposta diretta, o più sinteticamente DRM, è una delle politiche più in voga nell’imprenditoria moderna. Il perché? E’ molto semplice: consente di ottenere in tempi molto brevi l’evidenza della prolificità dei vari settori del mercato, offrendo così indicazioni fondamentali a chi intende intraprendere un’attività commerciale. Strumento principale di tale strategia è Google AdWords, che attraverso il sistema pay per click consente di indirizzare gli annunci pubblicitari a potenziali ideali clienti, che cercano proprio quel tipo di prodotto.

Ci sono però alcuni step che è necessario seguire per far fruttare al meglio una politica di risposta diretta. Ce li elenca un imprenditore americano operante (con successo) nel campo della piattaforma a pagamento, intervistato da The Marketing Blog.

Verifica: utilizza Google Website Optimizer o altri sistemi di monitoraggio e consultali regolarmente. Fai attenzione ai dettagli, a partire dal titolo del sito internet per finire col colore dei pulsanti: anche questi sono aspetti fondamentali nella comunicazione. Sondare il terreno solo quando si inizia un’attività non è abbastanza.

Misura: verificare è il punto di partenza, ma può rivelarsi un’operazione evanescente se poi non si esaminano in modo appropriato i risultati di tali test. Installa Google Analytics, considera strumenti quali Tracking 202 o gli URL di reindirizzamento.

Scala: prima di impegnarti in una campagna di risposta diretta, accertati di aver scelto il settore giusto, quello che ti offre non soltanto un immediato profitto ma che abbia anche margini di espansione. Troppo spesso si vedono campagne di marketing, anche efficaci, sparire nel nulla perché il promotore ha scoperto tardi che l’attività non sarebbe stata redditizia a lungo termine o la nicchia troppo piccola per rientrare delle spese.

Affrettatevi a visitare www.MarketingScoop.com per ulteriori consigli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *