Dipendenti soddisfatti, campagne marketing più efficaci!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Anche un’azzeccata campagna di marketing può fallire. Perché? Questa la volta la causa va ricercata all’interno dell’azienda, tra i dipendenti demotivati. Avere dei lavoratori soddisfatti e felici può sembrare inutile in un periodo di crisi economica, ma può fare materialmente la differenza per la sopravvivenza di un’azienda.

Gallup, compagnia americana di ricerca e consulenza in campo business, stima che il disinteressamento dei dipendenti americani costi in termini monetari circa 300 miliardi di dollari all’anno.

Quando i lavoratori non sono soddisfatti del proprio lavoro o del proprio datore di lavoro, producono di meno e la qualità del loro impegno diminuisce drasticamente, andando a intaccare anche il rapporto con i clienti.

Migliorare il benessere dei dipendenti non è costoso né difficile. È compito del Manager agevolare il lavoro rimuovendo tutti quegli ostacoli che inficiano il corretto svolgimento delle mansioni, offrire supporto e riconoscimento.

Specialmente quest’ultimo punto è essenziale: un lavoratore soddisfatto del proprio contributo perché riconosciuto come essenziale porterà a un maggior impegno nell’attività lavorativa, migliorando le prestazioni. Questo è un circolo virtuoso che aiuta fortemente l’attività aziendale.

Di seguito indichiamo alcuni dei punti chiave evidenziati dal New York Times in tema di demotivazione lavorativa, una sorta di know how su come aumentare la propria produttività in poche e semplici mosse:

  1. Fate sentire i dipendenti indispensabili e parte della soluzione ai problemi, valorizzando il loro lavoro.
  2. Ascoltateli: ognuno ha il proprio bagaglio di esperienze imparando l’uno dall’altra.
  3. Interessatevi del loro sviluppo professionale. Chiedete la loro opinione in merito al lavoro che stanno svolgendo e non mettete pressioni.
  4. Coinvolgete i dipendenti nella stesura dei piani marketing.
  5. Trattateli bene. Basta solo essere cortesi e ascoltare quello che hanno da dire.

Liberamente ispirato a newmediaandmarketing.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *