Dimmi che show segui e ti dirò cosa comprare

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

È risaputo come la pubblicità sui social sia un settore nuovo e in continua crescita. Twitter, però, alza ancora un po’ l’asticella: qualche giorno fa ha comunicato attraverso il proprio blog di aver avviato il Tv ad targeting negli Stati Uniti. È un servizio rivolto alle aziende che vogliono sponsorizzarsi sia in tv, sia su Twitter, nello stesso momento.

Certo, qualcuno sarà scettico: che bisogno c’è di pubblicizzare in due posti diversi e contemporaneamente un singolo brand? Presto detto. Negli ultimi mesi è andata affermandosi l’abitudine del social tv o second screen: molti telespettatori hanno l’abitudine di seguire i propri programmi tv preferiti e, nel contempo, commentarli in tempo reale su Twitter. Di conseguenza, gli spot che vediamo in tv, continuano poi sui nostri smartphone o tablet.

Evidentemente da Twitter si sono chiesti come sfruttare tale abitudine. La risposta è attraverso i promoted tweet. Funziona più o meno così:

  1. uno spot vieno trasmesso durante uno show televisivo (serie tv, spettacoli, partite, eventi, ecc.)
  2. diversi utenti stanno commentando lo show televisivo attraverso Twitter
  3. vengono raccolti gli show commentati durante i quali viene trasmesso lo spot
  4. terminato lo spot in tv, gli utenti Twitter che commentavano quello show vedranno apparire degli annunci pubblicitari sul prodotto dello spot trasmesso, direttamente sui propri tablet, smartphone o pc

Facciamo un esempio pratico. Numerosi telespettatori, quest’anno, si sono divertiti a seguire Sanremo 2013 commentandolo contemporaneamente su Twitter. Ipotizziamo che, durante l’interruzione pubblicitaria, sia stato trasmesso lo spot di un’automobile. Terminato lo spot, le stesse persone che stavano guardando e commentando Sanremo vedranno apparire dei tweet promozionali sull’automobile già vista in tv. In questo modo si ha la sicurezza che gli utenti vedranno e sentiranno la ripetizione degli stessi messaggi.

A questo punto potrebbe sorgere un dubbio più che legittimo: verremo subissati da una pioggia di spot e annunci? Non c’è una risposta univoca, ovvio. Tuttavia, attraverso una ricerca della Nielsen, Twitter fa sapere che i risultati sono promettenti. I dati parlano di un aumento dell’associazione del messaggio del 95% degli utenti  statunitensi che vengono raggiunti dallo spot e dal promoted tweet. Ancora più importante, si parla di un incremento dell’intenzione di acquisto del 58%. Inoltre è stato calcolato un aumento del 27% dell’engagement (in un certo senso, l’affezione) dei brand.

Twitter ha annunciato l’introduzione di strumenti per monitorare i pareri dei clienti sui prodotti sponsorizzati. Con questi strumenti, le aziende che vorranno pubblicizzarsi in tv e, contemporaneamente, via Twitter, avranno la possibilità di “tastare il polso” dei consumatori per capire se una campagna pubblicitaria ha successo oppure no e, di conseguenza, cambiare o confermare la rotta intrapresa.

Visto il successo del second screen, anche gli altri social stanno cominciando ad affacciarsi sulla pubblicità social. Indubbiamente i promoted tweet sono un potente strumento di marketing. Resta però la paura di vedere trasformate le nostre bacheche in un accozzaglia di annunci pubblicitari.

Di seguito, un video esplicativo del sistema.

 

E voi? Cosa ne pensate? La pubblicità social porterà effettivi benefici? O potevamo farne anche a meno?

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *