Link esterni o a pagamento? Meglio essere chiari

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Questa settimana torna l’appuntamento con l’esperto SEO Matt Cutts, che chiarisce cosa fare affinchè i link esterni non siano considerati come link a pagamento.
Cutts risponde alla seguente domanda: Se un proprietario di un sito web, ha delle relazioni con un altro sito che tratta tematiche differenti e aggiunge un link su questa pagina, tale rapporto sarà molto simile ad un link a pagamento. Visto che i link a pagamento possono avere un effetto negativo sul sito web, quali sono le pratiche corrette da seguire in questo caso?

 


In questo caso, spiega Cutts, per non correre il rischio di incappare in situazioni spiacevoli, è meglio dichiarare apertamente il collegamento. Aggiungere un link da un sito A ad un sito B non è come creare collegamenti su tutto il web. È sufficiente scrivere qualche frase che spieghi perché trovi interessante il sito dicendo che non si tratta di un link a pagamento, ma di un interessante legame editoriale con un sito fresco e con interessanti contenuti, che aiuta gli utenti ad avere nuove informazioni.
Concludendo, se si aggiunge questo tipo di lilnk una sola volta, per offrire un servizio maggiore agli utenti, perché non farlo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *