Strategie di crescita nel mercato digitale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

social-media-marketing

L’ascesa di social networking e social media e il declino dei mass media è una frattura storica in corso di cui ancora non riusciamo a quantificare la portata. Presto però ce ne renderemo conto nella vita di ogni giorno, verificando in prima persona tutte le implicazioni che ne conseguiranno.

Sotto il profilo del marketing e delle strategie d’impresa, la premessa è che la tecnologia ha causato la frattura dei mercati in gruppi di interesse speciale e ha fornito i mezzi per identificare questi gruppi e comunicarvi in tempo reale. Non molte aziende, tuttavia, sono state in grado di raccogliere le enormi quantità di dati immagazzinate nei social media e trasformarle in profitto. Per farlo ci sono degli step da compiere, ma questi marchi non hanno la capacità o il coraggio di farlo. Val Harian, chief economist di Google, non ha dubbi: “Il lavoro “sexy” dei prossimi dieci anni sarà lo statistico. Pensate che stia scherzando? E chi avrebbe detto che il lavoro sexy degli anni Novanta sarebbe stato l’ingegnere informatico?”.

Come suggerisce la Harvard Business Review, citando come esempio Amazon, oggigiorno per “attaccare” più efficacemente il mercato bisogna puntare sui cosiddetti dati granulari. Si tratta di quei segmenti di mercato che hanno una clientela ristretta e specializzata. Bisogna dunque lasciar perdere l’economia nella sua dimensione globale e rivolgersi letteralmente al singolo acquirente, con un bassissimo costo marginale. Sembrerebbe una controtendenza rispetto all’impatto globale dei social media, ma così non è.

Una volta individuati quei segmenti che hanno maggiore vitalità e margine di crescita, bisogna dividere scientificamente i propri clienti in gruppi, a seconda della loro posizione geografica, dei segmenti di prodotto a cui fanno riferimento e così via. E’ bene quindi adottare metodi e tecnologie in grado di raccogliere i dati pertinenti, utilizzarli per individuare nuove opportunità e nuovi spazi di mercato, investire in questi nuovi segmenti e sviluppare un metodo e tecnologie che permettano di agire su più fronti e tenere sotto controllo tutti i segmenti di propria competenza.

Basterà ad aggirare la crisi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *