Content marketing: 3 consigli per non rimanere indietro!

395b7e3
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Secondo un report di Kapost, ogni anno la spesa complessiva delle aziende B2B per la creazione e distribuzione di contenuti supera i 5 miliardi. Tutto ciò a sottolineare l’essenzialità dei contenuti e l’aumento di reddito per l’azienda.

Ma la parola chiave in questo settore rimane comunque strategia; senza una strategia definita sull’uso ottimale dei contenuti, si rischia di eliminarne il potenziale e ogni possibilità di controllo e di gestione.

I marketer devono cercare di focalizzarsi dove sono più carenti, cioè sulle strategie di pubblicazione e distribuzione. Allora cosa è opportuno fare quando il piano dei contenuti è stato creato, anche con un budget notevole? Sono 3 i consigli da tenere a mente: ACCESSIBILITÀ, MASSIMIZZAZIONE DELLA SPESA e  DISTRIBUZIONE.

  1. ACCESSIBILE NON SIGNIFICA SOLO VISIBILE. Ogni prodotto che deve comunicare qualcosa deve essere pensato in modo tale che chiunque possa fruirne in modo semplice ed efficace, quindi i contenuti devono essere disponibili e rintracciabili facilmente dagli utenti. Non datelo per scontato, perché come dimostra una ricerca di Showpad, il 70% dei contenuti marketing oriented non è utilizzato dai potenziali clienti a causa della loro difficile reperibilità. Sono molti i dettagli a cui dover stare attenti, bisogna porre il focus sull’analisi della user experience, creando un’architettura di contenuti efficienti e una valida attività di SEO aziendale.
  1. NO AGLI SPRECHI! Il budget è una parte rilevante nello sviluppo dell’azienda, che deve essere usato in modo corretto per produrre contenuti rilevanti. Ogni marketer in fase di pianificazione deve valutare come catturare l’attenzione dell’audience. Lo strumento migliore è la ricerca del feedback e tracciare, misurare e analizzare sono le linee guida per una ricerca corretta.
  1. CONTENT DISTRIBUTION. Purtroppo sembra di essere tornati indietro nel tempo, perché l’approccio che hanno ora molte aziende somiglia a quello che adottavano le imprese nel periodo di diffusione della tv analogica: creare contenuti per poi sperare nella sorte è sbagliato!

Marketers-Tools_Inner-XL

Non ci può più essere creazione senza pianificazione e strategia; una piattaforma di content activation efficace è in grado di creare contenuti ottimizzati, presentati in maniera personalizzata e supportati da diversi strumenti di analisi e monitoraggio del target.

Non basta un ottimo storytelling, ma è essenziale concentrarsi sulla scelta dei canali sulla base delle abitudini di navigazione e degli interessi dei potenziali clienti.

Non può esistere content marketing senza un’adeguata strategia e noi siamo in grado di aiutarti per essere visibile, efficace ed efficiente!

Francesca Zia
Ha studiato Economia e Gestione Aziendale presso l’Università degli Studi di Trieste. Appassionata di marketing e di economia, segue con attenzione le ultime tendenze in fatto di comunicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *