Un terzo dei video online sono in condivisione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Un nuovo studio rilasciato in questi giorni afferma che un terzo di tutti i video online sono in condivisione. Yahoo, la società di ricerche di mercato Interpret LLC, Warner Bros Media Research, Havas Digital, Omnicom’s PHD, hanno collaborato per la rilevazione dei risultati per questa ricerca.

Gli annunci in televisione sembra vengano ignorati con il doppio delle probabilità rispetto a quelli online. Il 28% degli intervistati ha ammesso che sono stati più propensi a prestare attenzione alla pubblicità online rispetto a quella televisiva.

Spesso i video sono realizzati con lo scopo di aumentare la soddisfazione degli utenti o per incentivare la tendenza dei consumatori a cercare le informazioni su un prodotto. Infatti, dopo la visualizzazione di video ritenuti ad alto impegno, più di uno su quattro degli intervistati ha cercato maggiori informazioni sul prodotto in questione (27%), o ha visitato il sito web del marchio (28%). I video a basso impegno hanno riscosso invece solo il 13% della ricerca e solo il 10% in più per visitare il rispettivo sito web.

Inoltre i fruitori di video spendono il 32% del loro tempo per vedere i video online. 7 su 10 di coloro che hanno ammesso di guardare i video online sostengono di guardarli a casa o al lavoro.
Le fasce orarie dove la visione è più frequente per studenti, lavoratori a tempo pieno, uomini e donne, è tra mezzogiorno e le 3 del pomeriggio e tra le 9 di sera e l’una di notte. La fascia oraria più scarsa è durante l’ora di cena, tra le 6 e le 9 di sera.

L’indagine è stata condotta con 2.024 utenti di internet a banda larga, tra i 13 e i 54 anni che nelle ultime 24 ore avevano visto dei video online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *