Contenuti di qualità e SEO: si può fare!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Un recente commento lasciato su Online Marketing Blog, in risposta a un articolo sull’ottimizazione del Content Marketing recita: “Perché non scrivere di meno e dare di più, in modo da ottenere sicuramente più credibilità [… ]avere un impatto sull’utenza, e il resto seguirà”.

Certo, ha senso creare contenuti di alta qualità che possano risultare interessanti e essere condivisi dai lettori, acquistando visibilità col passare del tempo. Ma pensare di aver successo nel settore con “tattiche” così poco lungimiranti è quantomeno ingenuo.

Ma torniamo al commento. Eccolo nella sua versione estesa:

“Penso che troppi contenuti vadano sprecati! Si vede il ranking del sito si clicca! Tutto quello che si riesce a vedere è spazzatura, e si sa che tutto ciò viene scritto per i motori di ricerca e non per i lettori, i ricercatori, i consumatori o i navigatori.”

“Perché non scrivere di meno e dare di più, in modo da ottenere sicuramente più credibilità e crediti. Il problema non è quello di riuscire ad arrivare in prima pagina, ma quello di avere un impatto sull’utenza, e il resto seguirà.”

Chi bisogna incolpare visto che la SEO spesso rovina i contenuti? Nessun dubbio a riguardo, troppo spesso i contenuti vengono creati solo ed esclusivamente in ottica SEO. Potreste incolpare gli esperti SEO per questo. Potreste anche incolpare Google, che dà un punteggio così alto a questi siti, e potreste considerare colpevoli pure le compagnie che ingaggiano questi esperti, solo per avere ranking migliori in tempi più che ristretti.

Le grandi bugie sulla SEO. Esistono. E vengono attivamente raccontate. Come il fatto che i contenuti di qualità attirino traffico già di per sé, o che la SEO è un acerrimo nemico dei contenuti di qualità.

La risposta? Saper coniugare contenuti di qualità e SEO. Ci sono molti marketer che rifiutano l’idea che anche i contenuti di qualità abbiano bisogno dell’advertising per attirare traffico web. I marketer più bravi ed esperti sono attenti a creare contenuti di qualità, così come a pubblicizzarli a dovere. Sono anche capaci di favorire la propria opera di SEO attraverso questi contenuti, in modo che possano essere trovati partendo dai canali più disparati, dai social media ai motori di ricerca.

La SEO di qualità, i social media e il content marketing sono un vantaggio per tutti. Una campagna SEO pensata ed eseguita in maniera approssimativa è utile quanto dei contenuti di qualità che possono essere scovati solo via advertising. La risposta, come sempre, sta nel giusto mezzo: una buona combinazione di SEO di qualità e di social media marketing può aiutare in maniera evidente a portare contenuti di qualità alle luci della ribalta. Aggiungere l’advertising a questo mix può essere utile, ma di certo non è l’unica risposta.

Cosa ne pensate? Anche voi pensate che la SEO spesso tenda a rovinare i contenuti? E che i contenuti di qualità siano in grado di attrarre traffico web da soli? Fatecelo sapere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *