Category Archives: Street Marketing

Il più dolce dei cartelloni pubblicitari!

Come pubblicizzare la famosa marca di dolci Mr. Kipling famosa per il motto“Life is better with cake”? La risposta dell’agenzia pubblicitaria JWT di Londra è stata semplice ma al tempo stesso davvero originale: un cartellone pubblicitario fatto esclusivamente di torte!

Per comporre questo goloso e coloratissimo mega puzzle sono servite ben sette ore di lavoro di artisti del cibo, tra i quali spiccava Michelle Wibowo, famosa per aver creato il ritratto dei Principi William e George con il cioccolato Toblerone.  Dopo aver posato l’ultimo dei 13.360 dolcetti, c’è stato giusto il tempo di fare qualche foto,  prima che i passanti londinesi contribuissero generosamente a far sparire tutto.

Un cartellone pubblicitario commestibile fatto di torta è il modo migliore per attrarre i passanti e farli innamorare, ma forse non una delle pubblicità più durature nel tempo.  Senza dubbio la notizia ha fatto il giro del mondo e dei social e le foto dell’opera sono state diffuse nel web, nonostante l’idea non abbia avuto lunga vita!

Un salvadanaio a forma di manichino

Un anno fa abbiamo visto una campagna molto particolare per la sensibilizzazione degli abitanti tedeschi nei confronti delle condizioni di  vita dei senzatetto (link articolo). Questa volta invece si parla di Amsterdam dove la crisi economica ha causato un alto tasso di disoccupazione e costi insostenibili per potersi permettere un’abitazione. Il numero dei senzatetto nella capitale è in continuo aumento e l’associazione BADT (Belangenbehartiging Amsterdamse Dak- en Thuislozen) lotta per aiutare queste persone.

BADT con l’aiuto dell’ agenzia pubblicitaria JWT Amsterdam ha ideato una campagna di sensibilizzazione particolarmente vincente e a basso costo. Sono bastati 100 euro, qualche vecchio manichino e degli stracci usati. I manichini, vestiti e resi realistici sono stati posizionati nei parchi e sulle panchine lungo le strade, lì dove spesso vediamo i più bisognosi.

Dotati tutti di un cartello con il messaggio “Ho bisogno di denaro per le famiglie senzatetto di Amsterdam” hanno attirato l’attenzione dei passanti, che solo in un secondo momento hanno potuto notare che ogni manichino recava una fessura sulla fronte. Un salvadanaio non più a forma di porcellino, ma personalizzato per la causa.

Il video “A piggy bank for the homeless” racconta dell’iniziativa mostrandoci il backstage e raccoglie anche  alcune reazioni dei passanti che numerosi hanno collaborato donando un po’ di denaro alla causa.

A piggy bank for the homeless from JWT Amsterdam on Vimeo.

Se i manichini fossero stati persone vere in difficoltà, sarebbero stati aiutati nello stesso modo?

 

Non restare in panchina, corri al cinema!

In questi giorni per le vie di Milano abbiamo assistito a una campagna pubblicitaria molto particolare firmata IGPDecaux, Koch Media e QMI, in vista dell’uscita nelle sale cinematografiche del film Goool!.

La pellicola d’animazione diretta dal premio Oscar Juan José Campanella racconta le avventure di un ragazzo di nome Amadeo che, grazie all’aiuto dei giocatori del suo calcio balilla magicamente portati alla vita, sconfiggerà il cattivo della storia e riconquisterà la sua amata.

Ecco allora che entra in gioco l’agenzia creativa QMI, esperta di progetti legati al cinema, che, sfruttando l’entusiasmo per il calcio nato anche dalla vicinanza dei mondiali di Rio, ha ideato qualcosa di molto originale.

Alcune pensiline e spazi di Milano sono stati modificati con decorazioni, mock-up a copertura e invasi dai protagonisti del film. La pensilina di Piazza Marengo è diventata addirittura un vero e proprio calcio balilla con tanto di giocatori in carne ed ossa pronti a coinvolgere i passeggeri degli autobus e i passanti con il loro entusiasmo.

E tu, correrai al cinema o resterai in panchina?

Un cartellone vi conquisterà

La famosa agenzia di viaggi francese Voyages-sncf.com ha da poco proposto un servizio pensato per aiutare le persone a seguire le loro più grandi passioni, proponendo alcune offerte speciali che prevedono non soltanto tariffe vantaggiose per quanto riguarda il viaggio in treno, ma anche i biglietti per vari spettacoli o avvenimenti in modo da poter seguire eventi speciali anche se lontani dalla propria città.

I pacchetti sono diversi e rinnovati ogni mese e permettono di risparmiare tempo e denaro prenotando tutto nello stesso momento. L’offerta non riguarda solamente concerti e spettacoli, ma anche festival particolari, parchi a tema, musei e mostre e manifestazioni sportive.

L’agenzia pubblicitaria TBWA\Paris che si è occupata della campagna pubblicitaria del progetto “Instants V” ha creato qualcosa di davvero unico nel suo genere.

Avreste mai voluto sbirciare sotto il famoso vestito bianco di Marillyn Monroe, assistere ad un concerto lirico per la strada o fare la doccia con un muscoloso rugbista? A Parigi, grazie a dei cartelloni pubblicitari molto speciali ideati per questo progetto, i passanti hanno potuto avere un assaggio di tutte queste esperienze.

Il motto “le vostre passioni sono più vicine di quanto non immaginiate” è stato, quindi, preso davvero alla lettera dalla TBWA. Lo spot pubblicitario diffuso in questi giorni, infatti,  mostra le reazioni dei Parigini di tutte le età a questi fantastici cartelloni interattivi … sicuramente ricorderanno questa offerta per un bel po’ di tempo, che dite?

Andrea Marson
Ha studiato Economia, Commercio Internazionale e Mercati Finanziari presso l’Università degli studi di Trieste.
Appassionato di marketing e comunicazione, segue con curiosità le ultime novità economiche.

Si può prelevare un po’ di felicità?

Un secolare proverbio recita ‘i soldi non fanno la felicità’. Ha voluto giocare su questa massima Unicredit, la storica banca italiana che ha installato un bancomat che dispensa buonumore.

L’obiettivo della campagna pubblicitaria dell’istituto di credito è trasformare un’azione quotidiana e stressante, come il prelievo di denaro, in un’esperienza unica e divertente.

Dopo aver inserito la propria carta in ‘Bancomatto’, questo si rifiuta categoricamente di erogare denaro preferendo regalare allegria e simpatici gadget ai clienti.

La candid camera è esilarante e mette al centro le reazioni delle persone, prima incredule e un po’ scocciate poi sorridenti e scherzose.

L’iniziativa è stata ideata per promuovere la pagina Facebook di UniCredit Italia, inagurata l’11 luglio scorso. La banca scommette sui portali e le piattaforme 2.0 allo scopo di stabilire una solida customer relationship attraverso i linguaggi emozionali e virali del web.

Gli utenti possono visualizzare tutti i i video delle candid camera sui canali social di Unicredit, Facebook e Youtube.

Come spiega Silvio Santini, head of Brand Management Group Identity & Communications di Unicredit ”Il bancomat è una parte fondamentale della nostra realtà, e probabilmente il nostro organo più a contatto con i clienti. In questo modo, creando queste simpatiche candid camera e postandole su Facebook, abbiamo voluto dare un’immagine anticonvenzionale della banca, un’immagine di modernità e innovatività con un linguaggio diretto, semplice, emozionante, divertente”.

La campagna pubblicitaria sul social network è stata apprezzata dagli utenti e ha già ottenuto numerosi Like su facebook.

Come avreste reagito di fronte a un bancomat parlante che non vuole erogare il vostro credito?

Crackers gratis, ma con la penitenza!

Non è un mistero che i clienti pretendano dai brand sconti impossibili o addirittura prodotti gratuiti. L’azienda australiana di snack Fantastic Delites conosce bene questa esigenza dei consumatori e ha deciso di soddisfarla a una sola condizione: fare tutto ciò che chiede il distributore automatico del brand.

Il team creativo dell’agenzia BBDO Clemenger ha installato in un centro commerciale di Adelaide la Delite-O-Matic, ovvero la macchinetta automatica che eroga crackers in cambio di penitenze.

Come si vede dal video, le persone inizialmente sono piuttosto diffidenti ma poi, sciolto il ghiaccio, iniziano a giocare con questo particolare distributore.

La penitenza, per i primi clienti che sfidano la Delite-O-Matic, consiste solo nel premere il pulsante della machine per 100 volte. Successivamente questo numero inizia a salire inesorabilmente fino a quando le persone, per avere l’agognato pacchetto di crackers, sono obbligate a pigiare il bottone 5000 volte.

Superato questo altissimo numero, il distributore diventa più perfido e crudele nella messa alla prova dei clienti. Per vincere lo snack, le persone si sono prestate a divertenti e imbarazzanti performance come saltare su una gamba sola, inginocchiarsi, fare la robot-dance, eseguire acrobatiche flessioni.

La campagna pubblicitaria dal potente effetto comico ha fatto il giro del mondo, come dimostra l’elevatissimo numero delle visualizzazioni del video su youtube.

Erik de Roos, account director dell’agenzia Clemenger BBDO, ha dichiarato: “Noi cercavamo un modo innovativo per indurre le persone ad assaggiare il prodotto”. Dai risultati ottenuti pare proprio che Fantastic Delites sia riuscito a raggiungere questo obbiettivo.

E voi, vi sareste prestati a questo esilarante gioco delle penitenze?

NAB Bank: come rendere i clienti protagonisti

Fare pubblicità a una banca soprattutto in questo periodo di crisi, è un’impresa assai difficile. Sono fin troppi gli spot ingannevoli e artificiali dedicati a servizi bancari che immediatamente urtano la sensibilità dei consumatori.

Consapevole di ciò, la banca australiana NAB Bank ha ideato un brillante progetto pubblicitario che mette al centro il cliente ed elogia la sua onestà.

La campagna in real time si è svolta in un centro commerciale di Melbourne dove sono state filmate le persone che, dopo aver trovato un paio di occhiali per terra, ne hanno denunciato la scomparsa all’ufficio informazioni.

Riconsegnato l’oggetto smarrito, le ignare vittime di questa sorta di candid camera si sono ritrovate il proprio volto stampato su torte, cartelloni e giganteschi schermi pubblicitari disseminati all’interno del centro commerciale.

Le persone coinvolte in questa campagna pubblicitaria sono rimaste incredule e stupite nel vedersi ritratte in un’immagine che le celebrava come paladine dell’onestà e della correttezza.

Il claim “Honesty shouldn’t go unrewarded” sintetizza l’idea di fondo di un progetto pubblicitario che rende protagonisti gli individui più corretti. Proprio quelli che l’istituto di credito vorrebbe come clienti.

Con questa simpatica campagna NAB Bank vuole riconquistare la fiducia dei risparmiatori, notevolmente diminuita in questi tempi di crisi.

Voi vi fidereste dell’onesta banca australiana?

Empreinte, le vetrine che incantano

Empreinte, il brand di lingerie francese, ha inagurato il 23 maggio il suo primo concept store nello splendido quartiere di Place Vendôme a Parigi, accanto ai negozi delle più lussuose griffe del pianeta.

Per celebrare questa nuova apertura e per stimolare l’attenzione dei passanti, Empreinte ha esposto in vetrina non i consueti manichini ma un sensuale ologramma. L’aggraziata modella in 3D è magicamente apparsa dal 23 al 26 maggio nell’orario notturno di chiusura del negozio indossando una raffinatissima lingerie di pizzo bianco. L’ iniziativa pubblicitaria ha suscitato una forte attrazione sui passanti che, increduli e divertiti, si sono precipitati ad ammirare la vetrina della boutique.

Sopratutto in tempi di crisi la concorrenza si fa agguerrita: diventa assolutamente necessario distinguere la propria offerta commerciale e sorprendere i clienti con proposte originali che li stimolino ad acquistare. L’ integrazione di strumenti tecnologici alle diverse modalità di esposizione dei prodotti all’interno degli stores è la nuova elettrizzante frontiera del visual merchandising.

Empreinte ha puntato su una campagna pubblicitaria che, con l’utilizzo di tecniche digitali, esalta il fascino e la grazia del corpo femminile. A differenza di altri brand di intimo che rappresentano un ideale di donna sexy e provocante, la figura femminile delineata da Empreinte è ammaliante e fatata.

Le lingerie del band francese, infatti, trasportano chi le indossa in un mondo fiabesco e magico. La scelta dell’ologramma dunque, per il suo carattere evanescente, è perfettamente aderente a quanto proposto dall’azienda.

Vi è mai venuto in mente di realizzare una campagna pubblicitaria digitale in 3D?