Category Archives: Impegno ambientale

850253660938548333366081981997670n

Dentro le mura di un macello di agnelli, la campagna di sensibilizzazione contro le sfruttamento degli animali.

“Potrete trovare ancora le più disparate giustificazioni alla vostra voglia di mangiare carne, ma non potrete negare che gli altri animali provano le nostre stesse emozioni.”

E’ questo il messaggio che lancia l’associazione EssereAnimali, a pochi giorni dalla Pasqua, e lo fa attraverso il video “Dentro le mura di un macello di agnelli”. Girato all’interno di uno stabilimento italiano, il video mostra l’iter che seguono i giovani agnelli prima della macellazione. Prima il tragitto in camion verso il laboratorio, poi i box d’acciaio ed infine inizia la mattanza. Gli animali vengono storditi, sgozzati e appesi a ganci di ferro a testa in giù per favorire il dissanguamento. Tutto avviene davanti agli occhi di altri piccoli agnelli, che man mano assistono alla morte dei loro fratelli.

Proviamo ad immaginare di essere imprigionati in una stanza, dove assistiamo impotenti all’uccisione seriale di altri uomini davanti ai nostri occhi, l’odore del sangue si fa pungente e le urla dei compagni fanno rabbrividire, cosa proveremmo? Ansia, paura, disperazione: le stesse identiche emozioni dei poveri agnelli e di qualsiasi altro animale.

Etologi, veterinari, zoologi e antropologi attribuiscono agli animali sentimenti umani. Ciò che fa la differenza è la comunicazione, il linguaggio, poiché noi abbiamo la possibilità, attraverso organi presposti, di articolare le parole. Questa differenza anatomica non ci autorizza a pensare però che gli altri animali non provino emozioni. Indica semplicemente che le comunicano in altri modi.

Grazie alle molte campagne di sensibilizzazione come quella di LAV, Thegreenplaece e Animal Equality, A Pasqua fai un sacrificio. Non uccidermi,  il mercato in questione sta vivendo un periodo di calo che dura già da qualche anno.

Schermata-2015-03-30-alle-16.02.48

Video come questi, ci mostrano cosa avviene dentro le mura dei macelli, lontano dai nostri occhi, in quei luoghi accessibili solo agli addetti ai lavori. Con questo filmato, gli attivisti di EssereAnimali, non vogliono scioccare le persone o denunciare il singolo stabilimento, piuttosto vogliono sensibilizzare le persone, lanciare un appello ai consumatori, con la speranza di “fermare una strage crudele che avviene in nome della tradizione!”.

Attenzione: le immagini riportate in questo video potrebbero urtare la vostra sensibilità

Volkswagen, la ricetta del divertimento

Due spot simpatici ed acuti, con la finalità di trasmettere la buona educazione attraverso la pubblicità.

Guardate cos’è riuscita a tirare fuori dal cilindro la Volkswagen in Svezia!

Si sciolgono i ghiacci a Berlino

global warming marketing sociale

global warming marketing non convenzionale

Se ne sono viste di iniziative più o meno riuscite di marketing sociale riguardante la problematica del Global Warming, ma quella che vi presento oggi è singolare tanto nella sua veste creativa, quanto nell’efficacia comunicativa.

Il luogo dove è stata sviluppata è Berlino, per la precisione sugli scalini della music hall nella piazza Gendarmenmarkt, il giorno è il 2 settembre scorso.

L’opera concerne l’installazione di 1000 sculture di ghiaccio dalla fisionomia umana, ha attirato parecchio l’attenzione dei passanti, in particolare l’evoluzione subita dalle mini statuine che si sono sciolte a causa dal sole, ha reso benissimo l’idea di quello che era il messaggio da trasmettere.

L’autore è il brasiliano Nele Azevedo che ha realizzato l’opera per conto del WWF.

global warming guerrilla marketing

global warming comunicazione sociale

Polemiche diffuse per la campagna del WWF ideata dall’agenzia DDB Brasil

Oggi parliamo di una polemica che si sta inasprendo sempre di più, sia nel web che nella tv, che riguarda la campagna di marketing sociale del WWF ideata dall’agenzia DDB Brasil, a cui ho dedicato l’articolo postato due giorni fa.

Senza dubbio la comunicazione è parecchio provocatoria,  in America se ne sono accorti e le polemiche stanno fioccando da ogni dove. In particolare dal conduttore del programma Countdown, Keith Olbermann, in onda sulla rete msnbc, che colloca lo staff dell’agenzia DDB Brasil nella lista delle peggiori persone del mondo, e in particolare non le manda a dire al CEO dell’agenzia Sergio Valente. A seguire potete vedere il video tratto dalla trasmissione.

La cosa clamorosa è che proprio in questi giorni in cui la polemica sta crescendo in maniera esponenziale, è stata diffusa in rete la versione video della campagna, che probabilmente non farà altro che inasprire ulteriormente gli animi.

Tsunami WWF from Haendel Dantas on Vimeo.

Diciamo che la questione per cui si batte questa campagna è una problematica importante, da non trascurare. Possiamo aggiungere che se si vuole sensibilizzare la gente su un problema cosi grande, questa campagna ci riesce tutto sommato bene, è anche vero che la provocazione è sicuramente forte, ma diciamo che il rispetto per le famiglie delle vittime di una catastrofe come quella del World Trade Center, con una comunicazione del genere, è venuto sicuramente a mancare.

Mi piacerebbe sapere qual è il vostro parere a riguardo…

WWF: marketing per la salvaguardia del pianeta

wwf-tsunami-comunicazione-sociale

In prossimità degli 8 anni dal tragico attentato dell’11 settembre, l’agenzia DDB Brasil ha realizzato una campagna per il WWF tanto provocatoria quanto sensibilizzatoria. Il messaggio che si vuole veicolare riguarda i problemi ambientali e quanto i loro effetti catastrofici possano essere molto più devastanti rispetto a quelli del tragico attentato alle torri gemelle. Non a caso lo slogan recita cosi: “The Tsunami killed 100 times more people than 9/11”.

wwf-tsunami-marketing-sociale

La natura si ribellerà sempre di più alle nostre negligenze, per questo mi sembra giusto rispettarla e preservarla prima che sia troppo tardi.

Greenpeace colpisce ancora

iceberg-marketing sociale

Greenpeace per sensibilizzare la gente sulle problematiche che attaccano il pianeta, piuttosto che l’ambiente o la natura, ha utilizzato spesso il marketing non convenzionale. Ecco che ancora una volta si sono impegnati in una comunicazione sociale con queste modalità.

La problematica sulla quale si vuole parare è quella del disgelo, il luogo è Parigi, in particolare sulla Senna, dove hanno installato e fatto galleggiare un iceberg gonfiabile, invitando i leader mondiali del G8, di applicarsi nelle problematiche climatiche.

Queste iniziative pilotate da Greenpeace vanno sempre perfettamente dritte all’obiettivo con la massima efficienza, la risonanza che ottengono sulla rete è sempre elevata. Complimenti, e speriamo che più gente si accorga di questa problematica, ancora troppo ignorata, e che i diretti interessati, che siamo un po’ tutti, anche se in questa comunicazione ci sono dei destinatari in particolare, facciano qualcosa.

iceberg2-marketing non convenzionale

iceberg3-marketing sociale

Il cimitero marino

marketing-barriera-corallina

Questa iniziativa è stata realizzata dall’agenzia DraftFCB per conto del partito politico Green party, molto interessato alle sorti della barriera corallina del Mar Rosso. L’installazione di queste lapidi è stata fatta appunto in mare sopra la barriera. Funge da premonizione, indica ciò che potrebbe accadere alla barriera se le autorità competenti non inizieranno a tutelarla in maniera adeguata.

Speriamo che i destinatari abbiano recepito il messaggio e che prendano dei provvedimenti a riguardo.

Fiat 500 crash test ambientale

Oggi vi presento una campagna promozionale. Il prodotto in questione è la nuova 500, automobile dall’impatto ambientale minimo e con un basso livello di emissioni di CO2. Da molti è considerata la macchina più ecologica in Europa.

La campagna ha riscontrato molto successo, tanto da essere premiata al Festival Internazionale della pubblicità di Cannes con due leoni d’oro, rispettivamente per la categoria Film e Outdoor.
L’agenzia che ha curato la comunicazione è la francese Marcel Paris.

Ecco le affissioni e il filmato premiati in Francia.

fiat-panda-marketing

fiat-penguins-marketing

fiat-walrus-marketing

Il progetto rende bene l’idea che si vuole trasmettere, legata alla sicurezza, ma ancor più alla salvaguardia dell’ambiente. Guarda caso gli animali scelti alla guida della 500, sono appartenenti a specie in estinzione come il pinguino, il panda e il tricheco.

Dal festival transalpino spiegano che hanno voluto premiare si l’originalità, ma sopratutto la trasparenza della campagna, che ammette l’impatto dell’industria dell’automobile sull’ambiente, ma dimostra l’impegno a limitarlo il più possibile.