Category Archives: Eventi

Il mercato pubblicitario secondo Assocom

Assocom, Associazione aziende di comunicazione, ha presentato il 26 giugno i dati sul mercato pubblicitario, in occasione dell’incontro Comunicare Domani tenutosi presso la Triennale di Milano.

Il mercato degli investimenti pubblicitari alla fine del 2012 si è attestato al -12,5%. Le previsioni del Centro di ricerca Assocom segnalano la stessa quota anche per la fine di quest’anno.

Questo processo di calo dell’investimento nei media tradizionali si è riscontrato in tutti i comparti: tra gennaio e aprile 2013, Nielsen ha rilevato una flessione totale degli investimenti del 18,9%, con un segno negativo per tutte le prime dieci categorie di investitori.

L’unico settore in cui è prevista una crescita del +5,7 è il digitale, mentre calano gli investimenti sugli altri mezzi di comunicazione come radio (-11%), TV (-12%), periodici (-20,9%) e cinema (-30%). Nel 2013 il peso percentuale maggiore sulla cifra totale dello spending è la televisione col 51,1%, al secondo posto troviamo il digitale al 19,9% che supera la stampa che si attesta al 17,2%.

Roberto Binaghi, Presidente del Centro studi Assocom, commenta: “Ma qualcosa si muove: le aziende stanno investendo in attività che sfuggono alla rilevazione perché sono totalmente al di fuori delle categorie e degli schemi con cui ancora vengono classificati i mezzi di informazione e misurate le loro performance. È il mondo dei cosiddetti media propri, in sensibile crescita, sostenuto soprattutto dalle piccole e medie imprese”.

Parliamo degli owned media ossia i “canali propri”, dei mezzi di informazioni di proprietà dell’azienda che sono gestiti liberamente senza dover investire in spazi a pagamento. Tra questi citiamo i siti web aziendali, le uscite publiredazionali, i flagship store e gli eventi promossi sul web. Il valore degli owned media si attesta a circa 1,5 milioni di euro.

Inoltre crescono anche gli earned media, i “canali guadagnati” grazie alla reputazione, ossia i social network, l’online buzz, il word of mouth. Anche l’indotto digitale del direct marketing sembra stia crescendo anche se si tratta di un altro canale che non può essere rilevato.

“Siamo convinti che la comunicazione sia un driver fondamentale per favorire innovazione e crescita, elementi di cui il nostro Paese ha molto bisogno e che sono al centro dell’agenda politica – sostiene Enrico Gasperini, co-Presidente di Assocom e Ceo di Digital Magic – E in che modo può esprimersi questo contributo? La comunicazione è un elemento chiave della concorrenza e questa genera innovazione.”

Da un’analisi di Giuliano Noci, ordinario di Marketing e Prorettore del Polo territoriale cinese del Politecnico di Milano, il nuovo spazio mediale è composto di multi-screen, multi-tasking, e mobility. Le aziende diventano veri e propri editori e il mercato vede affacciarsi anche marche più piccole ma ben dirette verso gli strumenti offerti dai social network.

Si sente il bisogno di poter usufruire di nuove competenze e consulenti della comunicazione veri, che si impegnino con una visione strategica e operativa integrata, in linea con il sentire comune delle imprese che si aspettano una forte crescita delle attività digitali – secondo la ricerca Makno sull’evoluzione delle imprese di comunicazione.

95 anni per Mandela, 67 minuti per il prossimo

Oggi, dedicate 67 minuti del vostro tempo al prossimo e al bene comune. È questo il messaggio del Mandela Day che si celebra ogni 18 Luglio dal 2009, in corrispondenza del compleanno di Nelson Mandela. I 67 minuti rappresentano i 67 anni di impegno nella lotta per i diritti civili. Motto delle celebrazioni 2013 è “Agisci, ispira il cambiamento, trasforma ogni giorno in un Mandela Day”. La frase è stata diffusa da un comunicato della presidenza Sudafricana.

Già dal 1988 buona parte del mondo si schiera per la liberazione di Nelson Mandela, in prigione da quasi 25 anni per aver lottato contro l’apartheid. L’11 Febbraio del 1990 viene liberato dal carcere anche grazie a Frederik de Klerk, allora presidente del Sudafrica. Tre anni più tardi viene insignito del Nobel per la pace e l’anno successivo, nel 1994, viene eletto presidente del Sudafrica. Nel suo discorso d’insediamento dichiara il proprio impegno per la creazione di una società che tratti tutti in maniera egualitaria, siano essi bianchi o neri, gettando le basi per un Paese in pace con se stesso.

Come anticipato, l’International Nelson Mandela Day (abbreviato in Mandela Day) è stato istituito come celebrazione mondiale nel 2009 dalle Nazioni Unite dopo il successo delle celebrazioni del novantesimo compleanno del premio Nobel tenutesi a Londra l’anno precedente. Ban Ki-moon, segretario generale dell’ONU, ha commentato: “Questa volta i festeggiamenti arrivano in un momento delicato per il presidente e la sua famiglia. Inviamo loro i nostri migliori auguri, ma dobbiamo anche cercare di dare maggiore risalto ai nostri sentimenti compiendo una buona azione per gli altri”.

Intanto a Roma, dalle 16 alle 18.30, per celebrare il Mandela Day, sarà proiettato il documentario “Mandela Dance” al Centro Benny Nato. Vincenzo Curatola, membro del Centro, spiega: “La libertà non si ottiene semplicemente cambiando leggi e regole, ma è necessario mutare la cultura della società: saper convivere con chi è diverso – poi aggiunge – L’approccio al problema è cambiato rispetto a trent’anni fa. Se prima il tema era puramente ideologico e nessuno si dichiarava razzista, oggi che dobbiamo convivere con le diversità si scopre che alle dichiarazioni non corrispondono i fatti”.

In occasione delle celebrazioni, alcune importanti personalità mondiali (tra cui Bill Clinton, il Dalai Lama, Richard Branson e altri) hanno partecipato alla realizzazione di un video in cui ricordano Mandela, manifestano la propria stima e chiedono a tutti di dedicare del tempo al prossimo.

Al momento Nelson Mandela si trova ricoverato in ospedale a causa dell’infezione polmonare che lo affligge da anni. Tuttavia i medici parlano di condizioni in netto miglioramento.

Non ci resta che celebrare il Mandela Day, augurare un buon 95° compleanno a Madiba e impegnarci, nel nostro piccolo, per un mondo più giusto.

 

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.

Dalle 9 alle 21, una giornata tutta social!

Essere social e online è un must per il business di oggi. Per questo motivo è stato organizzato il Social Media Marketing Day il 27 giugno a Milano. L’obbiettivo principale è capire il comportamento dei social network in relazione a tematiche calde e capire come sfruttarli al meglio per raggiungere i target aziendali.

La rassegna, ideata da Andrea Albanese, community manager dei gruppi italiani di linkedin “Social Media Marketing Italia” e “Social Media Marketing Italiano”, si svolgerà in un’unica giornata all’Auditorium del Sole24Ore di Milano, dalle 9.00 alle 21.00. Consultabile il sito ufficiale dell’evento con il programma completo e la lista dei relatori.

L’incontro è rivolto a tutti gli imprenditori e manager di aziende, alle direzioni vendite, agli addetti alle funzioni marketing e comunicazione e ai customer care che vogliono comprendere cosa è fondamentale per la propria azienda in ambito social e quali sono gli strumenti giusti per ottenere risultati tangibili.

L’evento tratterà 16 argomenti relativi al Social Media Marketing, spiegati praticamente e dettagliatamente, e integrati nelle differenti aree chiave del web. Il format è rigidamente strutturato in 20 minuti di spiegazione pratica e 10 minuti di scambio attivo col pubblico di esperienze e domande, per un totale di mezz’ora per ogni tema affrontato durante la giornata.

“Il modo di comunicare è cambiato. Il modo di fare business è cambiato – dichiara l’ideatore del Social Media Marketing Day Andrea Albanese – Usare i Social Media, fa di ognuno di noi un’agenzia di comunicazione, e dobbiamo prenderne atto.”

Per chi fosse impossibilitato a partecipare al Social Media Marketing Day del 27 giugno, ricordiamo la Social Media Week che tornerà a Torino dal 23 al 27 settembre di quest’anno.

Voi ci sarete?

L’innovazione secondo Wired

Il meglio dell’innovazione italiana ed internazionale arriva a Milano dal 30 maggio al primo giugno, con un festival dedicato alla tecnologia e alla creatività digitale: Wired Next Fest.

Organizzato da Wired Italia, la rivista per eccellenza dedicata al mondo della rete e del digitale, sulla falsariga del  suo fratello americano (che quest’anno ha compiuto vent’anni), il festival vedrà 12 ore giornaliere di incontri, lezioni, conferenze, meeting, reading, dibattiti, workshop su tutto ciò che riguarda il mondo dei nuovi media, il web, editoria digitale, sturtup innovative, cultura digitale, infrastrutture 2.0, e-learning, videogames, nuove frontiere delle produzioni cinematografiche, televisive, musicali e molto altro.

Gli incontri della tre giorni, che si terrà presso il polo museale scientifico di via Palestro, sono oltre 160 e comprendono nomi illustri come gli esperti di media digitali Bruce Sterling e Steven Berlin Johnson,  lo scienziato Alessandro Vespignani, l’architetto Carlo Ratti, lo scrittore e critico della rete Evgenij Morozov, il fumettista Zerocalcare, il regista Dario Argento.

Vario anche il panorama artistico del festival, che comprende performance teatrali, un live show e gli speakers’ corner, dove tutti i giovani (e non) innovatori potranno avere i loro 15 minuti di celebrità.

Il festival è nato dalla collaborazione tra la rivista, il suo editore e il Comune di Milano per celebrare la città come culla dell’innovazione e della rivoluzione digitale italiana: “la Valley nostrana” la definisce Carlo Antonelli, direttore di Wired e direttore creativo di Next Fest. “Milano ha 8 università, 174mila studenti, oltre 15mila imprese di alta tecnologia e circa 70 progetti smart per la città – dichiara Antonelli – che complessivamente valgono più di 200 milioni di euro”.

Sul sito nextfest.wired.it/ potete trovaretutti i dettagli e il programma completo del festival, mentre durante le giornate del festival potrete seguire su Twitter l’hashtag #wirednextfest per gli aggiornamenti in diretta.

Al Lingotto di Torino per aggiornarsi gratis sul web marketing!

Stare al passo con le novità, tenersi aggiornati, se ci si occupa di web marketing, è di importanza vitale. Restare indietro significa perdere occasioni per sviluppare il proprio business. Un settore in continua evoluzione dove ogni giorno c’è qualcosa di nuovo da imparare.

Oggi segnaliamo B com, evento gratuito incentrato sul business matching nei settori del web marketing e dell’e-commerce in programma il 18 e 19 aprile al Lingotto di Torino e organizzato da GL Events Italia-Lingotto.

Durante le due giornate si alterneranno oltre 600 appuntamenti: 2 tavole rotonde, vari workshop su corporate blog come strumento per la SEO e per la reputazione online, circuiti di affiliazione, web analytics, social media marketing e due conferenze plenarie con ospiti nazionali e internazionali.

Tra gli esperti del settore invitati citiamo Alessandro Perego dell’Osservatorio eCommerce della School of Management del Politecnico di Milano, Toby Evers di Toby Evers Consulting LLC, Qusai Sarraf di Ivis Group, Nicola Arnese di Alitalia, Roberto Pastori di Reply Portaltech,Vito Perrone di Venere.com, Angelo Meregalli di Paypal Italia, Andrea Boaretto dell’Osservatorio Multicanalità della School of Management del Politecnico di Milano, Christina Lundari di Google e Paolo d’Ammassa di Connexia.

Particolare attenzione sarà rivolta verso l’evoluzione del mercato mobile, che nel 2012 ha sviluppato un volume d’affari di 180 milioni di Euro.

La partecipazione agli incontri assicurerà ai titolari d’azienda e ai professionisti del settore di avere esperienze dirette con alcune delle aziende migliori in Italia in campo e-commerce e in ambito di strategie di web marketing.

Un’occasione imperdibile che offrirà la possibilità di comprendere al meglio il proprio mercato di riferimento e apprendere l’utilizzo dei numerosi strumenti del web marketing allo scopo di sfruttarli meglio.

Sul sito dell’evento http://www.bcomexpo.com/it tutte le informazioni pratiche.

Parteciperete?

Comunic/Azione a Reggio Emilia

 

 

 

Oggi segnaliamo un evento, organizzato dalla CNA Emilia Romagna: Comunic/Azione Comunicare oggi fra narrazioni e nuove tecnologie che si terrà il 24 Gennaio 2013 alle ore 15.30 presso l’Aula Magna dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

Il programma del convegno (si può leggere per intero qui) prevede incontri sulla comunicazione non convenzionale, social media marketing, strategie di branding, nuove tecnologie e mobile. Ci sarà anche un incontro con lo scrittore e sceneggiatore Carlo Lucarelli, che parlerà del racconto come strumento di comunicazione.

Per partecipare ci si deve iscrivere (gratuitamente) attraverso il sito di CNA Emilia Romagna qui.

L’evento fa parte di CNANeXT, una serie di eventi itineranti, che hanno l’obiettivo di facilitare l’incontro tra persone e idee, parlare di innovazione e futuro, fungere da laboratorio per far crescere ed elaborare progetti e prospettive.
Se avete la possibilità di parteciparci, lo consigliamo caldamente.

Sieb, la fiera dell’ICT e della new education

La Fiera di Foggia ospiterà il 14 e il 15 dicembre il primo evento fieristico in Italia dedicato alle tecnologie per l’informazione, la comunicazione e la formazione. Focalizzato sulla new education la prima edizione del SiEB, Salone dell’informatica Education e Business, è organizzato da Know K. e patrocinato dalla Regione Puglia, dal Miur, ConfIndustria, ConfCommercio, Confapi, etc.

SiEB si rivolge a imprenditori, dirigenti, commerciali ma anche rettori, dirigenti scolastici, docenti. È un’occasione per guardare a 360° il mondo dell’ICT e di confrontarsi con il mondo del e-instruction, prendendo atto delle possibilità formative al passo con l’evoluzione tecnologica.

La prima edizione del SiEB è un evento di particolare importanza perché è il primo salone fieristico in Italia del centro sud; aprirà le porte ad aziende nazionali e internazionali coinvolte nel mondo dell’università, enti di formazione, associazioni di categoria e quanti vorranno esporre i loro prodotti, software e servizi che possano essere utili alla crescita e sviluppo dell’ICT.

Saranno presenti come stand espositori produttori e distributori di hardware, software e applicazioni, telecomunicazioni, sound and vision e tanto altro ancora.
Ci sarà anche, come voce fuori dal coro, un’area tematica dedicata al volo dove si parlerà di costruzione di aerei e del volo simulato.

All’interno della fiera ci sarà la possibilità di partecipare a convegni, seminari, workshop e tavole rotonde; legato all’aviazione sarà attivo anche un simulatore di volo del Boeing 737-800 NG.

Per poter partecipare al SiEB come visitatore puoi pre-registrarti cliccando qui.

Per consultare il programma completo del seminario, clicca qui.

Avete cominciato ad organizzare il viaggio? Non potete mancare a questo evento!

Il crowdfunding in Italia? Lo scopri al Crowdfuture!

Cos’è il crowdfunding? Il crowdfunding è una forma di finanziamento proveniente dal basso che utilizza il web per raccogliere le donazioni;  il fine è dare vita a nuove attività imprenditoriali, nel gergo dette startup.

Le piattaforme di crowdfunding possono essere di tipo generalista o verticali, cioè dedicate a un tema.

Il crowdfunding si è davvero concretizzato come nuovo modello di business con la campagna elettorale americana di Barack Obama: lo “Yes We Can” è stato infatti lo slogan di una campagna finanziata in buona parte dai diretti interessati, gli elettori, il popolo.

Anche in Italia questo nuovo modello di raccolta fondi sta passando da una realtà di nicchia ad una di mainstream: nella bozza del nuovo Decreto Sviluppo, infatti, il Governo apre le strade ufficialmente al crowdfunding nel Bel Paese, per agevolare le persone fisiche che investono in start up.

Sfruttando la velocità della Rete e la condivisione dei social network, questa idea può essere una grande opportunità per piccoli e grandi progetti, che abbiano come base idee geniali.

Le startup ormai ben radicate in Italia sono YouCapital che finanzia indagini giornalistiche; Produzionidalbasso.com, una delle primissime piattaforme italiane, dedita soprattutto al mondo dell’autoproduzione letteraria e cinematografica; Kapipal, fondata da un professore dell’Università di Pisa, Alberto Falossi, apre i finanziamenti anche a progetti privati.

In questo tipo di business Falossi è riconosciuto per aver steso i principi fondamentali del modello del crowdfunding nel suo Kapipalist Manifesto. I moniti del business sono: i tuoi amici sono il tuo capitale; i tuoi amici realizzano i tuoi sogni; il tuo capitale dipende dal numero di amici; il tuo capitale dipende dalla fiducia; il tuo capitale aumenta con il passaparola.

Il riscontro concreto dell’attecchimento del crowdfunding in Italia verrà presto dimostrato con Crowdfuture: il 27 Ottobre a Roma si terrà la prima convention sul crowdfunding, durante la quale, con l’intervento di esperti mondiali, si parlerà di sfide ed eventuali soluzioni. I biglietti? Si acquistano tramite una piattaforma di crowdfunding: Eppela.

Vi siete convinti a sbarazzarvi della lampada di Aladino per dare vita ai vostri progetti?