Novità sulle condizioni d’uso di Twitter: Arriva la pubblicità ?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Oggi parliamo di Twitter, noto social che sta crescendo moltissimo, anche in Italia.

Lo staff ha modificato le condizioni di utilizzo del servizio: niente di eclatante, ma alcune precisazioni, come:

– la direzione si riserva il diritto di inserire pubblicità nella propria piattaforma

– Lo staff può “utilizzare, copiare, riprodurre, trasformare, adattare, modificare, pubblicare, trasmettere, visualizzare e distribuire  i tuoi tweets, che restano comunque di tua proprietà

– Disponibilità dei  contenuti attraverso le API

– Lotta senza pietà allo spam

La cosa più interessante, direi, è la possibile implementazione di pubblicità in Twitter: fino ad ora non avevano le idee chiare (o almeno così sembrava) di come generare introiti, se con banner, annunci, o tweets a pagamento.

Dopo tale modifica alle condizioni di utilizzo, penso abbiano trovato la soluzione al loro problema: resta da capire con che modalità vorrebbero monetizzare, perchè potrebbero invadere  il territorio personale, ad esempio con i tweets a pagamento, e se non studiata a dovere, la campagna potrebbe infastidire non di poco gli utenti fino a costringerli a cancellarsi dal servizio .

E’ altrettanto vero , che dopo l’enorme crescita del servizio, i fondatori hanno la possibilità di non commettere gli stessi errori di Facebook nella gestione pubblicitaria; ma tutte le precauzioni adoperate prima dell’avvio del servizio ci fanno capire la difficile gestione e convivenza tra l’annuncio pubblicitario e la privacy dell’utente.

Se son rose fioriranno…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *