Call center ultima chiamata

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Qualche settimana fa il garante della Privacy è intervenuto nuovamente sul marketing telefonico ma questa volta con molta fermezza. I call center che chiamano i privati hanno tempo fino al 10 settembre 2007 per mettersi definitivamente in regola.

Vale a dire:
-non telefonare più a qualsiasi ora del giorno e della notte senza il consenso dell’interessato;
-fornire immediatamente, anche se non esplicitamente richiesto, la fonte dei dati;
-presentarsi con il proprio Nome e Cognome e indicare la Società per cui si lavora;
-registrare, nel corso della stessa telefonata, la volontà di essere cancellati;
-assicurare che la cancellazione sarà riportata immediatamente nei database di tutte le proprie agenzie; -indicare chiaramente lo scopo della chiamata, soprattutto se si tratta di una vendita.

Chi non si adegua può andare incontro a delle sanzioni, ma soprattutto alla sospensione temporanea dell’attività. In realtà, la maggior parte di queste regole erano note da tempo, la legge infatti è sempre la stessa. Solo che i call center hanno praticamente ignorato i precedenti richiami dell’autorità a tenere un comportamento più rispettoso e meno invasivo; ma soprattutto, quello che le agenzie di telemarketing sembrano ignorare completamente, ed è il motivo per cui ne parlo in questa rubrica, è la grammatica della comunicazione interattiva; l’abc del direct marketing.

2 Responses to Call center ultima chiamata

  1. giulio says:

    siccome ho ancora il fisso a casa, mi trovo bombardato da chiamate: vendite spacciate x sondaggi… che gente! prima ti chiedono se sei d’accordo con certe affermazioni e poi, visto che la pensi in un certo modo non puoi rifiutare questa offerta! :-/ pessimi
    continuano a fare telemarketing nonostante la gente sia -giustamente- più che prevenuta nei loro confroni!

  2. simone says:

    Eh si , Giulio, purtroppo sovente è cosi’.
    Fare telemarketing non vuol dire ossessionare o incalzare le persone, ci deve essere una certa etica anche in questo settore,altrimenti rischi solo l’effetto contrario e spesso danneggi anche il Brand per cui fai pubblicità.
    Ed è ovvio che a questo punto le persone siano prevenute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>