Bluetooth, in arrivo la versione 3.0

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

bluetooth-3Parliamo di una nuova tecnologia hardware che consentirebbe lo scambio dati tra due dispositivi ad una velocità nettamente superiore dell’attuale. Gli scenari che si apriranno sono difficili da descrivere a priori, tuttavia, è sufficiente intuire che si potranno trasferire grandissime quantità di dati in minor tempo. Il nuovo Bluetooth 3.0, pare esser un ibrido tra la tecnologia Wi-Fi 802.11 e il più tradizionale bluetooth.

A circa quindici anni dal suo iniziale sviluppo, ad opera dei ricercatori svedesi Jaap Haartsen e Sven Mattisson impegnati nei laboratori Ericsson, lo standard Bluetooth sta per arrivare alla sua terza versione, dopo essersi affermato grazie alla comodità con cui permette il trasferimento di dati e file attraverso dispositivi portatili.

bluetooth-1Stando alle indiscrezioni circolanti in rete, il Bluetooth Special Interest Group annuncerà ufficialmente Bluetooth 3.0 il prossimo 21 aprile, fornendo nel dettaglio tutte le specifiche tecniche riguardanti le novità introdotte.

In attesa di conferme o smentite a tal proposito, le voci presenti sul Web parlano per Bluetooth 3.0 di velocità nei trasferimenti sensibilmente aumentata, grazie all’implementazione di una tecnologia 802.11, che consentirebbe, a due dispositivi dotati di chip di nuova generazione, di sfruttare un’eventuale rete WiFi presente e disponibile per la comunicazione.

Il sistema EPC (Enhanced Power Control), garantirà l’ottimizzazione dei consumi e la stabilità delle connessioni, evitando brusche perdite di segnale, nella maggior parte dei casi dovute a spostamenti.
Il nuovo standard sarà compatibile con il Wi-Fi ed aumenterà così la capacità di trasferire grandi quantità di dati ad una velocità significativamente superiore all’attuale. La soluzione renderà il protocollo adatto ad interfacciarsi anche con un maggior numero di soluzioni tecnologiche.

Inoltre, i collegamenti dovrebbero mantenersi più stabili grazie alla funzione Epc (Enhanced Power Control), che dovrebbe garantire una riduzione nella perdita del segnale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *