Biglietto da visita? Strumento intramontabile.

Schermata 2015-08-03 alle 15.32.50
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Sobrio, elegante, serio, spiritoso, essenziale. In un momento di esplosione del virtuale il biglietto da visita sembra un elemento antico, quasi d’altri tempi, anche perché ormai molti incontri professionali avvengono on line. Eppure, a ben guardare, questo strumento preziosissimo in realtà ha ancora una sua potenza nel mondo del business  soprattutto per la sua concretezzatangibilità. Un biglietto da visita infatti viene scambiato, ceduto, prestato, passa di mano in mano, viene inserito nel portafogli o nell’agenda o in tasca: è un oggetto destinato a rimanere ed ha ancora una grande importanza per la maggior parte dei freelance, degli imprenditori e dei dipendenti di piccole e grandi aziende.

Inoltre il biglietto da visita diventa quasi essenziale in alcune fasi come quella di start-up caratterizzato solitamente da un gran numero di incontri e presentazioni commerciali. Ma non è solo un fatto pratico, il biglietto da visita da sempre si accompagna anche ad un’idea di professionalità e di serietà e rappresenta senz’altro nell’immaginario collettivo un modo di presentarsi autorevole e credibile.

Due le caratteristiche fondamentali che deve avere: la leggibilità, i dati devono essere scritti in modo chiaro, e la completezza, deve infatti contenere tutte le informazioni importanti dell’azienda. I dati fondamentali sono ovviamente il nome, la professione, l’azienda e i contatti, tutti quelli disponibili; si può pensare poi di inserire qualche riferimento virtuale come il sito o la pagina Facebook.

In ogni caso è necessario affidarsi ad un grafico o ad un art director per questo tipo di lavoro dove, è chiaro, il dettaglio fa la differenza. Un professionista infatti potrà portare avanti anche un studio di immagine e potrà trovare soluzioni ad hoc a seconda delle esigenze di ciascuna azienda. La comunicazione può variare moltissimo a seconda delle scelte che vengono fatte: quadrato? rettangolare? tondo? bianco e nero oppure coloratissimo? Inutile dire che anche la carta o altri materiali aprono ad una serie di possibilità incredibili.

Solitamente le scelte sono dettate dal contesto ovvero dalla categoria nella quale si opera: il biglietto da visita di un avvocato non sarà uguale a quello di un architetto ad esempio anche se in diversi casi si può decidere per un “mood” particolare che esce dallo stile classico.

Insomma il biglietto da visita può rappresentare un esempio efficace di come la creatività possa essere messa a servizio del business.

Volete vedere qualche esempio di biglietto da visita creativo o addirittura geniale con cui presentarsi in modo innovativo, ironico e intelligente dicendo già moltissimo di se stessi? Date un’occhiata qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *