Bacardi produce i Groove Armada

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone
I Groove Armada hanno dato vita alla loro ultima creazione un mini album di 4 canzoni e per distribuirlo hanno scelto il web, cosa non nuova, basti pensare a casi come quello dei Radiohead, ma questa volta i metodi sono ancor più particolari. Per fruire del mini album del duo inglese da quattro canzoni, si deve accedere e iscriversi ad una community. Iscrivendosi a questa all’indirizzo www.bliveshare.com si potrà godere del primo dei 4 file mp3, i restanti invece si potranno ottenere coinvolgendo nuovi utenti alla community. Perciò ad esempio per coinvolgere più utenti possibili si dovrà pubblicizzare l’iniziativa sul proprio blog, su Facebook, via mail, nelle chat e in tutti gli strumenti che il web ci offre. uindi per coinvolgere più gente possibile si dovrà pubblicizzare il sito nei blog, utilizzando facebook, mediante Artefice insieme ai Groove Armada di questo nuovo modello di produzione e distribuzione e la nota casa di bevande Bacardi.
Si sviluppa quindi un nuovo legame biunivoco tra artista e azienda, dove quest’ultima di fatto sostituisce la casa discografica, distribuendo e producendo le opere, organizzando i live e i tour e la promozione del gruppo e delle proprie opere; allo stesso tempo la Bacardi può servirsi dei propri assistiti per aumentare la propria visibilità mediante la community appunto e organizzando serate a tema Bacardi con dj set del duo inglese.
Senza dubbio questa iniziativa può essere letta in diverse chiavi e aldilà dell’innovazione e dei lati positivi, bisogna vedere in un sistema del genere fino a che punto la ricerca sfrenata di fan per allargare il bacino di utenti può diventare invasiva e infestante nel web. Inoltre in chiave discografica con questa iniziativa si sottolinea ulteriormente la percezione del valore della musica ormai sempre più pari a zero. Per le major questo non è sicuramente positivo nell’evoluzione futura della situazione delle case discografiche nei rapporti con i consumatori finali, ma anche nei rapporti con i propri artisti.
Bisogna comunque ammettere che in ambito di marketing e comunicazione questa iniziativa risulta innovativa e se controllato nei giusti modi potrà essere un convincente punto di partenza per nuove strategie future, senza dubbio Bacardi e i Groove in questo modo si promuoveranno a vicenda e non c’è dubbio che i benefici saranno molti per entrambi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *