Social Media, autorevolezza VS popolarità: è battaglia

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Il problema della misurazione dell’efficacia dei social media è uno di quei nodi che si presentano fin dagli esordi di un determinato settore, e che probabilmente moriranno con esso.

Per i marketer, misurare il grado di successo delle proprie campagne social media non è semplice come contare i follower e gli amici di facebook, anche se qualcuno vorrebbe far credere il contrario.

Dopo tutto, la conta di amici e fan è la misurazione più immediata ed è anche il modo più semplice per dare un’occhiata a come sta progredendo il vostro business online, ma la maggior parte dei marketer l’ha ormai bollata come dettaglio marginale, per usare un eufemismo.

Uno studio condotto da Brian Solis e riportato da eMarketer ci mostra come i marketer siano oltremodo sospettosi riguardo il reale valore dell’avere un gran numero di amici/fan.
Per dirla tutta, si tratta di una sfida tra popolarità e autorevolezza, con la seconda nettamente predominante negli obiettivi di ogni marketer. (Ne avevamo tra l’altro già parlato poco tempo fa, su questo stesso blog!)
Sondaggio differenza popolarità e autorevolezza social media

<<Il nuovo rapporto di Vocus e Brian Solis mostra una predominante dose di scetticismo sulla presunta correlazione tra popolarità e autorevolezza.

Il rapporto, provocatoriamente intitolato “La disfida dei pezzi grossi: Bono affronta Lady Gaga”, è basato sulle risposte di 739 lavoratori del marketing e della comunicazione esperti di autorevolezza digitale.>>

Se i numeri da una parte mostrano come per i marketer un ristretto gruppo di fedelissimi sostenitori sia preferibile a un gruppo più nutrito di sostenitori non così affezionati, la misurazione del successo delle campagne di marketing vede una rivincita della quantità sulla qualità.

Questo perché è probabilmente la metrica più facilmente verificabile e oggettiva (benché influenzata da molti fattori).
A dimostrazione di tutto ciò, ecco un altro grafico interessante

Misurazioni social media adottate

Molto bene cari marketer. Quindi? Pare proprio che ci troviamo di fronte ad un caso lapalissiano di “voglio la botte piena e la moglie ubriaca”, vero?

Troppo spesso, gli obiettivi cercati (le misurazioni adottate)  hanno davvero poco a che fare con la realtà del marketing e dei social media.

Piuttosto che ammettere che c’è una (per ora) incolmabile distanza tra l’effettivo successo (o il fallimento) di una campagna social media e i risultati dati dai metodi di misurazione attuali, i marketer vanno alla spasmodica ricerca di metodi sempre più astrusi e incomprensibile per dimostrare la bontà del loro lavoro.

A quanto pare, la diretta corrispondenza tra i risultati delle misurazioni e la realtà dei fatti è diventata un fatto secondario.
Davvero un brutto affare questo, perché quello che è veramente in gioco qui è la credibilità dei social media come strumento di marketing, e cose come questa non possono che nuocere.

One Response to Social Media, autorevolezza VS popolarità: è battaglia

  1. […] Oltre a questo? È importante avere qualche dato concreto per sapere se la propria strategia ha funzionato o meno (vi ricordate? Ce n’eravamo occupati poco tempo fa su questo stesso blog!). […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *