Author Archives: Francesco Pastoressa

trend marketing B2B 2017

Gli strumenti marketing B2B che ti serviranno nel 2017

Si è appena concluso l’anno dei video, dello streaming live, un anno che ha visto crescere la marketing automation e le strategie di inbound marketing (come il content marketing). È stato anche l’anno dell’email marketing e del real time marketing.

Se il 2016 è stato tutto questo per il marketing, a che cosa dobbiamo prepararci nel B2B per il 2017?

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
marketing_automation_relax

Che cos’è la Marketing Automation? [scopri la nostra check-list]

È sulla bocca di tutti. Sembra essere la panacea di tutti i mali delle aziende che non riescono a sfruttare il marketing digitale.

Ma che cos’è davvero la Marketing Automation?

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
ippogrifo-marketing-natale-mail

Come perdere clienti a Natale (e come conquistare la loro fiducia)

Siamo quasi a Natale e le mail di auguri sembrano non finire più. Forse penserai che questo sia il periodo più piatto e infruttuoso dell’anno a causa delle feste. Ma lo sapevi che invece è possibile sfruttare a tuo vantaggio questo periodo festivo?

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
storytelling_1

Ecco il metodo più creativo per aumentare la tua reputazione

Lo sapevi che migliorando la tua brand awareness (ovvero come il pubblico reputa la tua azienda) puoi essere visibile ad ancora più clienti?

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
tag-linkedin1

LinkedIn: il social professionale che mette in comunicazione le aziende

LinkedIn sta spopolando tra le aziende italiane. Reputato spesso una semplice banca dati per pubblicare il CV o una piattaforma adatta a trovare lavoro, LinkedIn è invece una risorsa di grande interesse per le aziende, soprattutto per gli scambi interaziendali B2B. La potenzialità di questo incredibile social network ha catturato l’attenzione dei marketer, i quali hanno capito come sfruttare in modo efficace e mirato la nuova piattaforma creata esclusivamente per fare business, conquistare nuovi influencer e promuovere il brand attraverso attività di marketing online.

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
maersk

Case history Maersk: qual è la sua strategia B2B?

Ormai è indiscussa l’utilità dei Social Media nel mondo del Marketing, soprattutto nel B2C. Ma è altrettanto importante l’utilizzo di questo strumento anche per le aziende che si rivolgono ad altre aziende. Come in ogni strategia di pianificazione che si rispetti, è determinante la cura dei dettagli al fine di elevare la propria impresa come leader nel proprio settore. L’utilizzo di questi strumenti rende possibile la diffusione del marchio su larga scala, grazie anche alla condivisione degli utenti. Se usati nel modo corretto, porteranno un enorme vantaggio competitivo e un numero sempre maggiore di follower, incrementando il valore aggiunto aziendale.

Ne è un esempio una delle più grandi società danesi, la Maersk, che nel 2011 decise di riscrivere le regole della propria strategia marketing raggiungendo risultati straordinari. Ricavare informazioni chiave sul mercato attuale, conoscere e avvicinarsi ai clienti e aumentare la employee satisfaction sono i punti cardine della compagnia. A tale fine, Maersk ha posto l’attenzione sulla condivisione di alcuni argomenti interessanti attraverso il racconto di vicende coinvolgenti sul mercato dei container (storytelling). La forza di questa strategia sta proprio nella sua capacità di umanizzare il brand entrando in sintonia con i lettori. Non solo questo rende la Maersk onesta e affidabile, ma la aiuta anche a far trasparire alcune vicende che altrimenti l’avrebbero danneggiata come la caduta in mare di un marinaio che rimase disperso per più di 10 ore o l’aver colpito una balena di 12 metri con una nave. In questo modo ha potuto crearsi un’audience interna che si è estesa fino a raggiungere circa 1 milione e 200 mila fan su Facebook.

image2

Da questa particolare case history, si possono trarre delle importanti lezioni su come sviluppare una robusta strategia di Social Media Marketing e B2B storytelling:

  1. L’importanza di una strategia solida e ben delineata.

Per non rischiare di fare le cose superficialmente, sprecando tempo e denaro, i manager e i dirigenti delle aziende devono creare, pianificare e sviluppare una strategia che si sposi con il business della propria impresa sperimentando e verificando cosa funziona e cosa bisogna prendere in considerazione per ottenere i migliori risultati.

  1. Catturare l’interesse dei propri lettori.

Il succo non è tanto riuscire a valorizzare o meno il proprio prodotto ma è capire quali sono gli interessi dei tuoi clienti e riuscire a catturarne l’attenzione. Segmenta i tuoi lead e dividi i contenuti in categorie per facilitarne la consultazione.

  1. Fai in modo che i tuoi profili social siano coerenti con gli obiettivi aziendali.

Il mondo online e in particolare i social network sono delle risorse che devono essere sfruttate per generare risorse per i tuoi clienti, per i semplici lettori e per tutta la community del tuo settore.

  1. Per una base solida dei tuoi contenuti, riconosci e valorizza i tuoi dipendenti.

Sono i clienti interni e rappresentano la parte umana delle tue risorse, indispensabile per conseguire gli obiettivi. Non solo ti porterà vantaggi in termini di affidabilità e credibilità ma aiuterà i dipendenti a instaurare un legame con i clienti.

wearemaersk-960x540_3

Il lavoro che bisogna fare, quindi, è anticipare il processo di vendita con un lavoro più introspettivo, legato alla valorizzazione e umanizzazione del tuo brand per poter capire meglio quali sono le esigenze dei tuoi clienti e di come è possibile soddisfarle.

Se sei interessato all’argomento e vuoi capire come sviluppare una strategia di marketing competitiva, puoi iniziare leggendo qui!

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
2017-just-ahead-640x426

Previsioni 2017: tre modi in cui cambierà il B2B

Man mano che ci stiamo avvicinando al nuovo anno, i marketers hanno molto a cui pensare quando si parla di strategie marketing. Per i professionisti del settore B2B, abbiamo identificato 3 aree su cui focalizzarsi e che potrebbero presentare alcune novità nel corso del nuovo anno e guidare l’evoluzione del’intero settore del marketing:

  • ABM
  • Vendor Consolidations
  • Customer Orientation

L’Account-Based Marketing si affermerà nel 2017

L’ABM è un’attività di marketing strategica business to business con l’obiettivo di identificare e studiare azioni personalizzate per uno specifico target, sia esso un cliente o un prospect per ottenere maggiori probabilità di acquisto. È un particolare approccio che si focalizza sui singoli clienti con un impatto rivoluzionario, perché di fatto permette di creare delle strategie altamente specifiche create su misura per il cliente, andando ad intercettare esigenze, bisogni e desideri in maniera chirurgica.

aaeaaqaaaaaaaah6aaaajdzjy2nimmiylwfizjitndiyzi05n2e5lwnky2njndjkyzizzq

Nel 2017, l’ABM:

  1. Darà maggiore importanza alla post-sale customer experience
  2. Trasformerà il modello del lead funnel
  3. Farà diventare la brand advocacy un elemento cardine nel processo di marketing

I benefici della consolidazione dei propri fornitori

L’ Account-Based Marketing attira molti nuovi aspiranti fornitori che stanno facendo a gara per offrire la migliore tecnologia marketing. I marketers utilizzeranno meno le nuove tecnologie sperimentali dei fornitori per focalizzarsi esattamente su quello che il consumatore vuole, puntando maggiormente quindi sul rapporto con i fornitori e sulla gestione dei dati.

La Customer Orientation sarà fondamentale per la scelta delle decisioni di maggiore rilievo

topfour-future

Le sopracitate strategie specifiche di marketing richiedono un significativo spostamento organizzativo per i team operanti nel B2B. I marketers dovranno anche adottare tutte le misure necessarie affinché i brands siano coerenti con quello del mercato nell’intera customer experience. Per far fronte a queste problematiche, si stima che nel 2017:

  1. I B2B marketing leaders si concentreranno di più sul customer life cycle
  2. Ci sarà maggiore attenzione sul customer insight
  3. L’attenzione maniacale del consumatore diventerà il collegamento mancante tra il B2B e la customer experience

Per saperne di più e se vuoi precedere i trend e non esserne travolto, non esitare a contattarci!

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.
web-marketing-pescara

Tutto comincia dal tuo sito web: sai come ottimizzarlo?

Il sito web della tua azienda è il biglietto da visita in grado di catturare l’attenzione dei potenziali clienti (ma capace anche di allontanarli), deve quindi essere costruito seguendo una strategia di lead generation efficace, altrimenti rimane solo una bella facciata di cui non sfrutterai tutte le potenzialità.

Ecco allora gli elementi fondamentali per ottimizzare il tuo sito e attirare nuovi clienti:

  • LEAD GENERATION FORM

I form sono l’epicentro del tuo sito, se non li hai non sei in grado di raccogliere le informazioni di contatto che i visitatori possono darti; ricorda che la scelta di condividere le loro informazioni personali è segno di un reale interesse per i tuoi prodotti o per i tuoi contenuti. Includere il form in una landing page rende molto più facile convertire i clienti in lead: considera, in base alla tipologia di contenuti e di prodotti, se inserirlo alla fine dopo quindi che il lead avrà letto tutte le informazioni, oppure in alto per un impatto immediato; perché sia efficace fa che non sia troppo lungo e strutturalo come una call-to-action.

20130619-emaillanding13-600x212

  • FORM SCRAPING TOOL

Dopo aver creato e inserito il tuo form devi raccogliere le informazioni compilate e tenerne traccia: come farlo? Grazie ad alcuni tool, che analizzano i dati e li collocano automaticamente nel database dei contatti dividendoli in categorie, sarà così più semplice inviare loro delle mail mirate e seguirne il comportamento in futuro.

  • CALL-TO-ACTION

Alcune volte quando le persone visitano un sito sanno di cosa hanno bisogno o cosa stanno cercando, ma altre volte no! È allora compito tuo facilitare la loro ricerca e guidarle tramite delle call-to-action (CTA), delle piccole frasi che hanno l’obiettivo di spingere gli utenti a compiere una determinata azione.

La classica formula della CTA è composta da headline, testo e bottone da cliccare; essa a volte può variare ma la cosa importante è che una call-to-action deve essere breve, leggibile, esplicita e comunicare la necessità di agire subito.

È importante creare diverse CTA che rispondano a diverse parti del buying funnel e che siano coerenti col contesto in cui vengono inserite in termini di contenuti e design. Chiarezza e contesto sono essenziali alla buona riuscita di una call.

featured-image-unbounce-webinar-qa-690x362

  • LANDING PAGES

Sono il cuore della strategia di lead generation ma ovviamente devono essere ben costruite: bisogna prestare attenzione al design, alla lunghezza del form, ai pulsanti di condivisione, insomma tutto deve essere semplice e intuitivo.

Per essere efficace una landing page deve essere pratica e utile al cliente (ovvero offrire un valore aggiunto a ciò che già potrebbe sapere di voi o del vostro prodotto) e aumentare la fiducia nel brand: deve essere mirata a un particolare flusso di traffico e proporre un’offerta interessante in cambio della compilazione del form. Il miglior consiglio che ti possiamo dare è testare diversi modi di creare la landing page al fine di trovare la migliore per il tuo business.

Questi sono solo alcuni suggerimenti per costruire al meglio il tuo sito aziendale, per gli altri dovrai aspettare la seconda parte dell’articolo, ma se nel frattempo hai qualche dubbio puoi chiedere ai nostri esperti!

Appassionato di scrittura e di tecnologia, ha sempre cercato il modo per coniugare queste due passioni. Scrive sul web e del web. Innamorato dei social network, è sempre in cerca di nuovi modi per fare marketing con gli strumenti online più innovativi.