Abbassare le tasse per tornare competitivi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Le forze politiche in Parlamento per la prima volta "condividono i valori del mercato e dell’impresa": cosi’ il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, nella sua prima relazione all’assemblea pubblica, ha insistito sull’importanza della "semplificazione del sistema politico". "Noi riconosciamo il primato della politica ma – ha detto -la politica deve meritarlo e giustificarlo con i risultati. Gli elettori hanno fortemente penalizzato, fino ad escluderle dal Parlamento, quelle forze portatrici di una cultura anti industriale".


nella foto: Emma Marcegaglia presidente di Confindustria

L’accordo sulla revisione del modello contrattuale deve essere raggiunto entro pochi mesi, presumibilmente entro settembre. "Raggiungere un’intesa entro pochi mesi. E’ alla nostra portata – ha detto – se ci riusciremo scriveremo una pagina importante nella storia delle relazioni industriali e libereremo energie in favore dello sviluppo".
Bisogna abbassare le tasse sulle imprese: il neopresidente di Confindustria invita il Governo a ridurre in particolare le aliquote Ires e Irap "guardando alla pressione effettiva e non a quella nominale". In particolare, per l’Irap "e’ auspicabile una progressiva deducibilita’". Il tutto dovra’ avvenire "in un quadro di equilibrio delle finanze pubbliche e di riduzione del debito, basandosi sui tagli alla spesa".
I sindacati negozino "nell’interesse vero dei lavoratori e non di qualche superata ideologia". "Chiediamo ai sindacati – ha sottolineato – di cambiare in profondita’ per non condannarci ad una perdita forte di competitivita’ e di benessere". Il numero uno degli industriali ha riconosciuto che i sindacati italiani "sono una grande organizzazione, con dodici milioni di iscritti. Sta al coraggio dei loro leader – ha ribadito – impiegare questa forza a favore del cambiamento, delle opportunita’ per i giovani".

Fonte Agi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *