A Venezia il primo rave con le cuffiette

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Tra una moltitudine di passanti incuriositi, nei pressi della stazione Santa Lucia di Venezia ha avuto luogo il primo Silent Rave in Italia.
L’evento organizzato tramite Facebook ha coinvolto migliaia di giovani che si sono dati appuntamento nel piazzale della Stazione lo scorso 22 Aprile. Alla fine l’affluenza è stata ridotta rispetto alle aspettative, nella piazza veneziana sono arrivati in un migliaio, ma i risultati sono stati comunque positivi.

Alle 18.30 Gheorghi De Falco, l’organizzatore dell’evento, ha annunciato il via della manifestazione, e tutti all’unisono hanno premuto il play del loro lettore mp3.  La playlist che ogni partecipante si era scaricato preventivamene, era stata annunciata molto tempo prima sul famoso social network.

Tra i vari partecipanti c’era chi si scatenava ballando come un forsennato al suono delle proprie cuffie e chi più timido stava a guardare. L’iniziativa comunque non ha disturbato l’ordine pubblico, le varie forze dell’ordine che comunque erano state avvisate si sono limitate a visionare l’avvenimento.

Di alcol e droghe non vi era traccia, a parte qualche spritz e qualche birra, anzi l’organizzazione ha provveduto alla distribuzione di opuscoli che documentavano i problemi delle droghe, i loro effetti e i loro rischi.

L’affluenza dei media è stata cospicua, molti i giornalisti e i fotografi, non mancavano neanche le radio, alcune emittenti locali hanno trasmesso la tracklist per pubblicizzare l’evento.
La musica è stata selezionata da due Dj del Tag Club di Mestre, rispettivamente i Dj Gummies Noise.

1240484974175_vcd18cij

1240484975035_vcd20cil

2 Responses to A Venezia il primo rave con le cuffiette

  1. Emiliano scrive:

    Ciao e complimenti per il blog…Ti volevo comunicare che per publicizzare questo tipo di notizie e di eventi è nato da poco un nuovo aggregatore di feed…
    http://www.youevent.it

  2. admin admin scrive:

    Ti ringrazio Emiliano per i complimenti e per il link, a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *