Redesign del proprio sito: altri 5 consigli

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Abbiamo già parlato in questo blog di redesign del proprio sito. A tal proposito, ecco 5 ulteriori consigli che potrebbero aiutare:

1. Non usate il proprio domain name nel titolo della pagina.

  • Usate piuttosto il keyword rich text, separato da |(pipes).
  • Usate in primo luogo le vostre parole chiave più significative.
  • Se volete includere il nome della vostra compagnia e avete dei caratteri rimanenti, metteteli alla fine.

Ecco qua un esempio di titolo pagina efficace che include il nome della compagnia: Plumbing & Heating | Emergency | South End Boston | XYZ Plumbing Company.

2. I vostri page title e i vostri tag H1 non devono essere troppo diversi.

Una volta creato il vostro page title, siate sicuri che il vostro URL e i vostri tag H1 siano in tema. Non occorre che siano esattamente la stessa cosa, ma siate sicuri di dare ai motori di ricerca tutte le informazioni necessarie per individuare precisamente cosa c’è su quella pagina.

3. Il page title e il meta description non devono essere uno la copia spudorata dell’altro.

Il page title viene visto sulla vostra pagina web. È quindi essenziale per i motori di ricerca;  il meta description è lo strumento con cui attirare i searcher.

Il meta description torna utile invece nei risultati di ricerca dei search engine.

Perché un searcher dovrebbe cliccare proprio sul vostro link? Molte volte l’immediatezza è la risposta: Fate in modo che il link sia più corto di 150 caratteri.

4. Non includete il nome di altre compagnie nell’URL del vostro blog.

I blog sono strumenti terribilmente utili, ma non volete che i vostri punti SEO così faticosamente guadagnati vadano a profitto di nessuno, all’infuori di voi. Potrebbe essere difficile dirottare grandi quantità di contenuti dopo la manovra. Oh, per il resto basta essere chiari: non è che non possa essere fatto, ma cercate di risparmiarvi qualche grattacapo.

Create anche sub-domain e sub-directory, del tipo blog.nomesito.com o www.nomesito.com/blog. In questo modo otterrete tutti i benefici per la SEO che derivano dal gestire un buon blog.

5. Non usate flash.

Flash è senz’altro bello da vedere, ma i motori di ricerca non lo possono leggere. Se avete un sito interamente realizzato in flash, questo vi rende possessori di un sito vuoto agli occhi di Google, Yahoo ecc.
Un sito vuoto implica zero pagine indicizzate. Zero pagine indicizzate implicano un traffico web davvero scarso.

Ci sono esempi di siti con centinaia di pagine, di cui zero (zero!) indicizzate. Quindi state attenti. Se volete usare flash, usatelo in maniera più che saltuaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *