4 regole d’oro per fare B2B con LinkedIn

linkedin-marketing
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

LinkedIn è ormai il più consolidato social network professionale ed è considerata la piattaforma migliore per il content marketing dal 94% delle aziende B2B. Esse però non sfruttano al massimo il potenziale di questo social media poiché la maggior parte dei CMO (Chief Marketing Officier) delle aziende più importanti utilizzano LinkedIn come strumento per la conoscenza del brand e non per generare profitto. Invece, LinkedIn può fare molto di più.

Per i marketer di un’azienda B2B è importante essere consapevoli che LinkedIn è il migliore strumento per la lead generation, se utilizzato nel modo giusto: per andare più nel concreto, oltre l’80% dei clienti trovati grazie ai social media provengono da LinkedIn. Questo soprattutto grazie al fatto che essendo un social prettamente professionale a differenza di altre piattaforme come Facebook e Twitter, su LinkedIn ci sono molti più professionisti, senza contare che il relativo pubblico utilizza un approccio “business” fin dalla prima connessione. In parole povere, utilizzando LinkedIn starai già parlando al target giusto.

Ecco quindi 4 strategie che aiutano la tua azienda a sfruttare  questo social network nel modo più efficace possibile:

linkedin_chocolates

  1. TRASFORMA LA PAGINA DELLA TUA AZIENDA IN UNA PAGINA DI LEAD GENERATION

LinkedIn non è utile soltanto per il recruiting ma può essere usato per catturare l’attenzione dei tuoi potenziali clienti: la testata è la prima cosa che i prospect vedono, di conseguenza usa un’immagine che catturi l’attenzione e crei interesse; subito dopo ricordati di scrivere una descrizione chiara e convincente che faccia incuriosire l’audience.

Condividere contenuti interessanti sulla tua pagina ti consentirà di acquisire autorevolezza nel tuo settore e creare delle showcase pages che trattano di specifici prodotti, iniziative o presentazioni del  brand ti differenzierà dai competitor. Comincia a considerare la tua pagina aziendale come una landing page!

  1. NON FARTI SOPRAFFARE DALLA TECNOLOGIA

Le persone su LinkedIn sono interessate a istituire delle vere relazioni con le aziende, ecco allora che è fondamentale “perdere” del tempo per dimostrare di essere sempre presenti per i propri clienti, senza lasciare tutto in mano a un programma di marketing automation. Nel marketing sono molto importanti le relazioni, digitali o meno: sii sempre presente, originale e coerente e i risultati arriveranno (soprattutto in termini di brand awareness).

linkedin-success

  1. INTERAGISCI CON I GRUPPI E CREANE DI NUOVI

Cerca dei gruppi che trattano del tuo settore, che siano rilevanti e attivi ma soprattutto fornisci contenuti di valore aggiunto: esperienze, case study e contenuti originali. Partecipa alle discussioni dall’interno, amplierai la tua conoscenza e la tua rete di relazioni a tutto vantaggio della tua attività. Quando diventerai esperto del settore potrai creare un tuo gruppo per acquisire leadership e confrontarti direttamente con il tuo target di riferimento.

  1. NON DIMENTICARTI DEI COLLEGAMENTI

LinkedIn è una piattaforma professionale in cui stabilire relazioni tra aziende, clienti ed esperti del settore: maggiore sarà il numero di collegamenti, maggiore sarà la platea con cui condividerai contenuti e farai conoscere il tuo business.

content-marketing-on-linkedin-article-main-image

LinkedIn è un social media che offre una moltitudine di opportunità per ampliare il tuo business B2B, ma va usato con cautela proprio per la sua intrinseca professionalità: se vuoi davvero esprimere tutta la potenza del social network professionale per eccellenza, comincia da qui!

Francesca Zia
Ha studiato Economia e Gestione Aziendale presso l’Università degli Studi di Trieste. Appassionata di marketing e di economia, segue con attenzione le ultime tendenze in fatto di comunicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *