4 lezioni di Business Blogging

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Oggi vi riproponiamo alcune domande fatte a Karen Wickre, business communicator. Karen ha lavorato per varie società di media e branding, compresa la Siegel & Gale, Upside Media, 3DO e, ovviamente, Google, azienda per la quale lavora dal  2002, per la quale ha lanciato il corporate blog di Google nel 2004. Ha sviluppato la strategia aziendale di Google usando blog, Twitter (nei primi sei mesi ha guadagnato più di 2 milioni di seguaci) , YouTube e, più recentemente, Facebook.

Karen Wickre

Ecco le domande che le sono state poste da Hubspot.com:

1. Qual è la cosa più importante per una società che decide di diventare blogging?

La cosa principale è leggere notizie, blog aziendali etc. per avere un’idea delle varie possibilità. Infatti, alcuni blog sono personali (ossia vi è solo una persona che scrive), altri sono collaborativi. Alcuni seguono una determinata “leadership di pensiero”, altri invece si dedicano maggiormente al servizio al cliente.
La cosa da fare è prendere confidenza con queste varianti e cominciare a considerare ciò che si vorrebbe dire e come.

2. Quali sono le domande più utili da porsi per il nostro blog?

Alcune domande posso essere: i messaggi offrono informazioni utili e/o originali? Fanno riflettere i valori e gli interessi proposti? Il blog rispecchia le persone e i valori dell’azienda e dei prodotti/servizi?

3. Come convincere tutta l’organizzazione a contribuire a un business blog?

Solitamente all’inizio si affida la scrittura del blog alle persone che hanno una maggiore predisposizione alla scrittura e alle correzioni al volo, insomma che hanno un senso editoriale.
Mi capita spesso di consigliare un calendario editoriale che comprenda le persone in grado di monitorale e contribuire con idee, testimonianze dei clienti, eventi, commenti, feedback, tendenze del settore, etc. In generale l’approccio ampio è migliore di quello ristretto. Inoltre, non aspettate a postare solo quando avete una grande notizia. Ricordate che, più spesso si posta , più si ha bisogno di risorse.

4. Quali sono le metriche di blogging di successo?

Le metriche dovrebbero essere tangibili: la durata del tempo trascorso sulla pagina, linkbacks, etc. Vorrei consigliare l’aggiunta di Twitter, se non altro per estendere ulteriormente la portata dei post. Oltre a ciò, se i commenti sono abilitati, assicuratevi di rispondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *