Ad su Facebook: come migliorarli?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

L’advertising su Facebook è una grande promessa per i marketer ansiosi di avere la possibilità di poter contattare un target specifico di utenza online.

Da nessun’altra parte le persone condividono volontariamente una quantità così cospicua di informazioni personali, dando l’opportunità ai marketer di focalizzare l’advertising e di controllare i risultati dello sforzo basandosi su parametri dell’utenza come età, interessi, impiego, residenza e addirittura amici e rapporti d’amore.

L’advertising su Facebook, tuttavia, è comunque relativamente recente, e gli advertiser hanno appena cominciato a sperimentare le potenzialità degli ad su Facebook.

Anche gli esperti di digital marketing, già competenti per quel che riguarda la focalizzazione dell’advertising nelle ricerche online e per il display advertising, stanno appena iniziando a capire come costruire dei programmi di advertising su Facebook in maniera efficace.

Ecco alcuni piccoli trucchi che potete usare per portare la focalizzazione su Facebook e l’utilità degli ad a un nuovo livello:

1. Mettetevi al posto dell’utente

Troppi marketer si affacciano al settore delle ad su Facebook con l’aspettativa di poter ridirigere direttamente il traffico web da Facebook al proprio sito, proprio come nelle paid search.

Benché questo metodo possa dare risultati soddisfacenti, è senza dubbio cucendo le proprie strategie di marketing addosso agli utenti di Facebook che si ottengono i feedback migliori.
Un esempio? Le Custom Page, come parte integrante della vostra pagina Facebook, rendono l’apprezzamento del vostro brand molto facile, da parte dell’utenza.

2. Usate la root analysis per espendare i vostri obiettivi

Sulle pagine di ogni utente sono presenti moltissime informazioni personali, di cui alcune molto interessanti. Cercate di investigare ed informarvi sulle parole più usate, cercando di andare oltre i parametri canonici.

3. Particolareggiate i vostri ad

Con 500 milioni di persone attive su Facebook, non si può certo pretendere di considerare tutti questi utenti alla stessa maniera: ovviamente le differenze sono tante. Cercate di individuare gruppi di persone accumunate da un particolare interesse, e puntate forte su advertising specificamente indirizzato ad ogni particolare gruppo. A questo proposito, continuate a tenere a mente tutte le possibili informazioni rintracciabili sui profili utenti.

Suddividere l’utenza in base a età, residenza, genere e altro dovrebbe seriamente aiutarvi a capire a che tipo di clientela vorrete rivolgervi.

4. Rendete interessanti i vostri ad

Le persone usano Facebook per interagire con gli amici, condividere foto e giocare ai videogiochi, non per ricercare beni e servizi. Le vostre ads devono attirare la loro attenzione.

L’utenza viene continuamente inondata di contenuti formati da immagini banali e testi grossolani. Ci sono modi per rendere creativa e più accattivante un’immagine, cosa che sicuramente influisce sui tassi di click-through. I più diffusi includono l’uso di colori vivaci e immagini divertenti e\o interessanti, oltre ad un offerta allettante, naturalmente. Come ad esempio l’uso di bordi gialli o arancioni, che contrastino con il blu e il bianco predominanti.

Sperimentate spesso e volentieri, e i risultati vi sorprenderanno. Gli ad più cliccati non sono necessariamente i più belli a vedersi. Spesso sono semplicemente quelli più appariscenti.

Come ultima osservazione: sforzatevi per essere creativi. Gli ad sono tanti, e l’utenza tende a stufarsi dopo poco se vede una cosa ripetuta all’infinito.

Concludendo: sfruttate al meglio Facebook e ne vedrete i risultati!

5 Responses to Ad su Facebook: come migliorarli?

  1. Fabrizio scrive:

    Personalmente ho testato adv di facebook e rapportando ai risultati di altri concorrenti ( uno su tutti il programma per inserzionisti di google ) ho notato come se devo promuovere una landing page o un prodotto particolare ottengo migliori risultati con il secondo mentre se devo promuovere un servizio ( possibilmente gratuito ) gli utenti fb si dimostrano molto più interessati.

  2. Simone Simone scrive:

    E’ probabile che sia cosi’ ,Fabrizio: la Socializzazione e la gratuità vanno spesso a braccetto , facebook rende virale il “gratis” come pochi altri mezzi di comunicazione

  3. Fabrizio scrive:

    Si infatti credo che cambi totalmente il target e la mentalità usata quando si naviga su google e quando si e’ sui social.

    Su google si cercano soluzioni quindi anche eventuali campagne devono mettere in luce cosa offre quel determinato prodotto/servizio

    Sui social diciamo che non si cercano soluzioni ma modi per condividere le proprie idee,passioni o talenti.

  4. francesco scrive:

    Quindi secondo voi Facebook funziona solo per regalare?

  5. Simone Simone scrive:

    Non solo , ci mancherebbe :)
    Certo ,abbiamo notato che se hai un servizio o prodotto di interesse alla massa , magari molto scontati o quasi “gratis” ,la curva di interesse e di viralità è molto più ampia che magari promuovere un gioiello costoso ,anche se con forte sconto.
    Quindi quello che concerne “per la massa” e di interesse quotidiano , Facebook è un mezzo potentissimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *