Social Media Marketing: quanto siete pronti?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Anche se una compagnia si rende conto del valore dei social media, ciò non significa che essa o i suoi dipendenti siano pronti. Avete iniziato qualcosa per cui non eravate ancora del tutto pronti?
Qualche volta la cosa funziona, e altre volte no.

Affinché le compagnie traggano il massimo profitto dal social media marketing, ci deve essere un buon livello di consapevolezza riguardo la natura delle online communities, dei siti web sui social media e delle applicazioni.

Uno degli strumenti che si sono rivelati maggiormente efficaci nel valutare quanto un’azienda sia pronta a lanciarsi in questa impresa, è stato senz’altro quello della combinata verifica esterna/sondaggio interno.

Stabilire quanto una compagnia sia effettivamente pronta per il social media marketing aiuta a determinare una base di partenza da cui si può iniziare a costruire qualcosa.
Questo significa sviluppare una strategia di azione per i social media, cosa che aiuta a non brancolare nel buio agli inizi, al contrario di quanto fatto da molte altro compagnie.

Nella maggior parte dei casi, ci sarà sempre un buon mix tra account “ufficiali” e “ufficiosi”. È importante avere il pieno controllo di ambedue gli ambiti, e sapere chi controlla gli account, siano essi dipendenti o fan, e vedere cosa la compagnia può imparare da loro.

Capire quanto l’azienda è pronta ai social media, e qual è il suo potenziale di sviluppo è essenziale per una corretta attività di pianificazione e training, e per sviluppare una buona strategia.

Come parte della valutazione, vi proponiamo alcune domande che le compagnie dovrebbero porsi, nel caso volessero incamminarsi sul periglioso sentiero del social media marketing:

  1. Quali obiettivi volete raggiungere con il vostro investimento nei social media?
  2. Quali criteri di valutazione userete per valutare quanto il vostro investimento abbia avuto successo?
  3. Quali sono i vostri canali social media attuali?
  4. Avete un community manager a vostra completa disposizione?
  5. Altrimenti, avete dello staff che si spartisce il lavoro del community manager?
  6. State attualmente conducendo delle attività di monitoraggio dei social media tramite software?
  7. C’è una particolare prodotto, unità o divisione che possa servire come test?
  8. Se già attiva, da quanto tempo e su quali social media la vostra compagnia è attiva?
  9. La vostra partecipazione ai diversi siti è coordinata?
  10. Avete notato qualche preferenza particolare all’interno dell’utenza, durante la loro partecipazione all’attività di social media?
  11. Quali siti preferisce l’utenza? (Twitter o Facebook, blog o forum)
  12. L’utenza generalmente commenta, partecipa alla discussione, tende a osservare o non partecipa per niente?
  13. Avete preso contatti/avete formato un network con altre compagnie di spicco del vostro settore, sui social media?
  14. Che proposte esclusive offrite con la vostra campagna sui social media ai vostri clienti o potenziali clienti?
  15. In quali settori rispondete meglio alle esigenze della clientela, rispetto ai vostri concorrenti?
  16. Pubblicate regolarmente articoli, post, video sulle vostre pagine?
  17. C’è una componente “umana” all’interno del vostro sito web? (Profili, commenti, recensioni, scambio di contenuti)
  18. Quali dei vostri settori, unità di business e cost centre sarebbero coinvolti con la vostra campagna sui social media?
  19. Quali risorse umane interne avete a disposizione per la costruzione e l’implementazione delle iniziative di social media marketing?

Ovviamente ogni situazione è unica quanto la compagnia e i suoi obiettivi, ma la lista qui sopra può procurarvi come minimo una buona idea di base su quanto la vostra compagnia sia pronta al social media marketing, oltre a darvi nuove idee e suggerimenti.

Maggiori sono le informazioni in possesso delle compagnie a riguardo del social web, maggiori saranno le loro probabilità di successo nell’universo del social media marketing.

Sarete coscienti che di solito queste liste implicano un numero tondo (10 consigli per…, 30 siti da non perdere…). Stavolta no. Perché?

La risposta è molto semplice: tocca a voi. Qual è la vostra ventesima domanda?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *